Header image
La più grande community Nudista d'Italia!
Home Amici Blog eZine VideoChat Luoghi Link Regolamento Facebook Instagram
Forum de iNudisti - RISCRIVERE L’IDEA DELLA FENAIT
Forum de iNudisti

Forum de iNudisti
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Linea diretta con le Associazioni ... e i gruppi
 ANITA - Associazione Naturista Italiana
 RISCRIVERE L’IDEA DELLA FENAIT
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

sergino
iNudistaffezionato

sergino

Regione: Lombardia
Prov.: Bergamo


480 Messaggi

Inserito il - 07/02/2018 : 21:22:51  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sergino  Rispondi Quotando
Voglio riportare il comunicato fatto dal CD di A.N.ITA. sull'assemblea Fenait di due domeniche fa, giusto per mettere a conoscnza della cosa anche i lettori di questo forum.


RISCRIVERE L’IDEA DELLA FEDERAZIONE NATURISTA ITALIANA (FENAIT)

Sabato 27 gennaio 2018 si è tenuta l'assemblea della FENAIT. Sono emersi due risultati contrastanti: da una parte l'ennesimo tentativo riuscito di provare a egemonizzare il movimento naturista, dall'altra un cambiamento che ha portato due valide persone alla Presidenza e Vice Presidenza, rispettivamente Maria Adelaide Fornaca e Andrea Mirabilio. Pur rimanendo molto perplessi sull'operato di chi sino a oggi ha governato la Fenait, A.N.ITA., che crede e sostiene il Naturismo, continuerà a impegnarsi senza interessi commerciali o egemonici per diffondere l'idea Naturista e far crescere il nostro movimento.

Lo scorso sabato, si è tenuta a Bologna l’Assemblea delle associazioni aderenti alla Fenait che, tra le altre cose era chiamata a rinnovare il Consiglio Direttivo.

Il rinnovo del Consiglio doveva essere fatto nel 2017, ma era stato rinviato, di comune accordo, per permettere la revisione dello Statuto della Fenait, la cui approvazione era prevista in occasione del Galà di Nuoto di Andalo. La revisione dello statuto sarebbe opportuna in quanto lo strumento vigente è carente sotto il profilo di rispondenza alla normativa di enti non lucrativi e poteva essere l’occasione per rivedere alcuni meccanismi che invece di favorire la crescita del movimento naturista italiano hanno creato contrasti tra associazioni naturiste. Per un veto di U.N.I., che si è rifiutata di discutere la bozza di statuto proposta da una commissione nominata dall’assemblea dell’aprile 2017, non si era tenuta in ottobre l’assemblea straordinaria che avrebbe dovuto ratificare il nuovo statuto. Si è quindi arrivati alla convocazione di sabato scorso dove è stato ribadita la non volontà di U.N.I. di rivedere lo statuto e anche una proposta di accordo per superare lo stallo e mettere per lo meno al riparo la federazione e i suoi soci da possibili contestazioni fiscali ha ottenuto 10 voti favorevoli e 10 contrari e quindi non è stata approvata. Ricordiamo che U.N.I. conta in assemblea, in base a un calcolo che tiene conto in modo ponderato del numero di soci di 6 voti in assemblea, contro i 4 dell’A.N.ITA.. Sotto l’aspetto fiscale la nostra associazione presenterà comunque una nota ufficiale di richiamo al nuovo C.D. perché non è nostra intenzione utilizzare soldi associativi per dovere pagare un domani sanzioni amministrative.

Si è quindi giunti all’elezione del Consiglio Direttivo che ha dimostrato ancora una volta che la Fenait viene intesa come federazione autoritaria e autarchica anziché come organismo di servizio delle associazioni Naturiste presenti sul territorio italiano. La votazione, probabilmente frutto di accordi tra alcune associazioni, ha fatto sì che la seconda associazione naturista italiana, come numero di soci, ma sicuramente l’associazione più presente, attiva e impegnata per diffondere la cultura naturista, non venisse proporzionalmente rappresentata nel nuovo Consiglio Direttivo della Fenait. Oggi A.N.ITA è rappresentata in Fenait dal solo socio Francesco Doronzo e non anche dal suo Presidente. L’U.N.I. può vantare ben 5 rappresentanti. Voglio far notare per i non presenti, che in coerenza con l’idea della giusta rappresentanza in base ai soci e non per puro calcolo di accentramento di potere, il sottoscritto, in rappresentanza di A.N.ITA. ha comunque votato a favore della Presidente dell’U.N.I. Luisa Mussa, cosa che invece non è stato fatto dalla stessa Presidente dell’U.N.I. a favore dell’A.N.ITA., il cui Presidente ha ottenuto gli stessi voti della mozione per la revisione dello statuto, ovvero i voti oltre che della propria associazione, anche quelli di A.N.AB., A.N.A.A., ASS.NA.IT. e 3.VE.NAT. Sembra evidente, dai numeri espressi, che siamo di fronte a una spaccatura, seppur dialettica, tra chi vuole provare a riscrivere le regole della Federazione per renderla più dinamica e rispondente alle esigenze del movimento naturista e chi invece vuole tenere la Federazione sotto il proprio controllo.

L’aspetto positivo di questo nuovo Direttivo è che ha portato alla presidenza una persona molto valida, Maria Adelaide Fornaca, rappresentante U.N.I., così come altrettanto valido è il suo Vice, Andrea Mirabilio dell’A.N.AB.. Siamo inoltre contenti che per la prima volta una donna sia la Presidente della Fenait.

Ad entrambi va l’augurio per un proficuo lavoro dentro la federazione, nella speranza che venga superata una situazione di scontro dialettico oggi presente in Federazione e che la stessa diventi un valido strumento di coordinamento e non prevarichi il lavoro che le associazioni fanno nei territori, laddove il Naturismo trae le sue radici più profonde. La lite non deve essere tra chi intende la pratica del Naturismo nei campeggi e chi lo pratica e sostiene nelle spiagge libere; deve essere un lavoro culturale e politico, con la gente e nei territori, per ottenere il riconoscimento del Naturismo in Italia e creare occasioni di incontro e crescita del movimento naturista.

Il Consiglio Direttivo dell’A.N.ITA.



Consiglio direttivo A.N.ITA

a_fenice
iNudisti Staff - Admin a_fenice@inudisti.it

nuovo


Regione: Umbria
Prov.: Perugia
Città: città di castello


21031 Messaggi

Inserito il - 07/02/2018 : 22:39:40  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di a_fenice Invia a a_fenice un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ripeto, ma ora che è scritto in chiaro posso meglio, tre domande mi vengono:
1- se mi aspettavo anaa e 3venat, le altre due non le capisco. Ma, le altre? Nessuna con diritto di voto?
2- non capisco e non capirò il voto a colei che assieme a colui ha egemonizzato in modo dittatoriale da 50 anni la federazione.
3- (e so che sfondo un muro senza risposta) a quando l’uscita da un meccanismo infernale fatto apposta per fare i cacchi propri? Ma è davvero così importante sto maledetto francobollo?

Per fortuna ancora non dipendo da loro per portare a spesso il mio uccello nudo.



Max Pg- http://www.inudisti.it/it/amici/amico.aspx?id2=990

Libero Pensatore - Ciò che non farei non dovrà mai diventare ciò che non devono fare gli altri. - Stay hungry, stay foolish - Per aspera ad astra - Casa mia e cosa ci puoi trovare http://villafenice.blogspot.it
Torna all'inizio della Pagina

siman
iNudistfedelissimo

siman


Regione: Liguria
Prov.: Savona
Città: Marchesato Del Carretto


11168 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 00:08:46  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di siman  Rispondi Quotando
Riguardo il tuo punto 3, mi sento di fare i più sinceri complimenti agli uomini e donne di Anita.
L'importante è cominciare e perseverare.

Robert Half disse:
"La perseveranza è ciò che rende l'impossibile possibile, il possibile probabile e il probabile, certo."




UN FORUM E' COME UN'ORCHESTRA. MA FAR PARTE DI UN'ORCHESTRA NON SIGNIFICA SAPER COMPORRE UNA SINFONIA.

SII FELICE DA VIVO PERCHE' RIMARRAI MORTO PER UN BEL PEZZO

Semel in anno licet insanire



Torna all'inizio della Pagina

a_fenice
iNudisti Staff - Admin a_fenice@inudisti.it

nuovo


Regione: Umbria
Prov.: Perugia
Città: città di castello


21031 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 06:28:32  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di a_fenice Invia a a_fenice un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Certo che ad Anita vanno i complimenti per tanti motivi diversi (tranne il punto due che non riesco a comprendere, sarò tosto), e sono ben consapevole dei motivi che la spingono a rimanere e combattere e il muro di gomma e di sordi con cui si sbattono di continuo, ma quando 50 anni di battaglie risultano peggio della guerra di Troia, e non c’è cavallo di legno che tenga, la mia idea rimane sempre quella, uscire dal meccanismo perverso e fondare qualcosa di nuovo e fregarsene.
Molto da dire sarebbe sul perché alcuni invece sostengono ancora tesi antiquate, regole ormai contro legge, e questo lo capisco ancora meno. Sarà che son io a essere tonto.



Max Pg- http://www.inudisti.it/it/amici/amico.aspx?id2=990

Libero Pensatore - Ciò che non farei non dovrà mai diventare ciò che non devono fare gli altri. - Stay hungry, stay foolish - Per aspera ad astra - Casa mia e cosa ci puoi trovare http://villafenice.blogspot.it
Torna all'inizio della Pagina

siman
iNudistfedelissimo

siman


Regione: Liguria
Prov.: Savona
Città: Marchesato Del Carretto


11168 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 08:28:05  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di siman  Rispondi Quotando
a_fenice ha scritto:

Certo che ad Anita vanno i complimenti per tanti motivi diversi (tranne il punto due che non riesco a comprendere, sarò tosto), e sono ben consapevole dei motivi che la spingono a rimanere e combattere e il muro di gomma e di sordi con cui si sbattono di continuo, ma quando 50 anni di battaglie risultano peggio della guerra di Troia, e non c’è cavallo di legno che tenga, la mia idea rimane sempre quella, uscire dal meccanismo perverso e fondare qualcosa di nuovo e fregarsene.
Molto da dire sarebbe sul perché alcuni invece sostengono ancora tesi antiquate, regole ormai contro legge, e questo lo capisco ancora meno. Sarà che son io a essere tonto.






Premetto che non sono addentro a cose federative e associative.
Tuttavia, in tanti di anni di forum, una cosa credo di averla capita:
ci sono interessi privati e commerciali da salvaguardare.
Certo che da quanto ho capito...il voto a "colei" in effetti (sempre dall'esterno) pare un quasi autogol.
Forse volevano dare un segnale di voler far dei cambiamenti dimostrando comunque buona volontà.
C'è da dire che adesso la presidente si troverà in imbarazzo a votare contro eventuali proposte espresse da chi l'ha votata.
Proseguo a complimentarmi per un primo passettino in avanti....sperando ovviamente che lo sia davvero.

Quanto a stare dentro una federazione che non piace (se non piace ovviamente) solo per poter avere un bollino/lasciapassare, lascia effettivamente perplessi.
Concordo con te che una spallata significativa a tutto il sistema sarebbe proprio quello di chiudere i rubinetti delle sovvenzioni via tesseramento da parte di (molte) associazioni.
Anche dal punto di vista della visibilità all'interno della federazione nazionale, trovarsi di colpo con metà (ipotesi) di associazioni che abbandonano sarebbe una pessima immagine.

Forse bisognerebbe iniziare a contattare quelle strutture nudiste che pretendono una qualche iscrizione per accettare clienti (escluse ovviamente quelle di una certa proprietà) ad accettare tesserati extra Fenait ...magari proponendo in cambio, una pubblicità gratuita, significativa e appariscente all'interno dei propri siti web.

Anche questo stesso sito che mi pare il più frequentato dall'utenza nudista italiana, potrebbe appoggiare eventuali associazioni "separatiste" offrendo a tali strutture ricettive, una pubblicità a costo zero.








UN FORUM E' COME UN'ORCHESTRA. MA FAR PARTE DI UN'ORCHESTRA NON SIGNIFICA SAPER COMPORRE UNA SINFONIA.

SII FELICE DA VIVO PERCHE' RIMARRAI MORTO PER UN BEL PEZZO

Semel in anno licet insanire




Modificato da - siman in data 08/02/2018 08:39:24
Torna all'inizio della Pagina

Andrea vi
iNudistfedelissimo

husky


Regione: Italy


1739 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 09:36:18  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Andrea vi  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Andrea vi  Rispondi Quotando
mi sembra un po' troppo facile parlare quando non si è coinvolti dal problema perchè si è in coppia o non si va all'estero.però il bollino inf è l'unico riconosciuto ovunque e più che un lasciapassare è un certificato di buona condotta:ricordo che chi viene beccato a fare lo str... viene messo in una black list nazionale o nei casi più gravi tipo molestie ai bambini internazionale.
davvero si pensa di poter fare altrettanto e convenzionarsi con tutte le strutture se non del mondo almeno di Italia Francia Spagna Croazia e Grecia?
davvero si pensa di poter segnalare a tutte suddette strutture uno stron.o beccato a dare fastidio ai bambini di modo che non possa entrare più da nessuna parte?
e poi non sembra un po' passivo il fatto di uscire dalla federazione internazionale solo per due vecchi r....?

life is like yoyo,luck is just a given up go! go!
Torna all'inizio della Pagina

naturistasicano
iNudistaffezionato

Sicano


Regione: Sicilia
Prov.: Palermo
Città: Palermo


248 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 11:02:46  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Andrea vi ha scritto:

... chi viene beccato a fare lo str... viene messo in una black list nazionale o nei casi più gravi tipo molestie ai bambini internazionale...

Purtroppo la black list è abbastanza vuota (a memoria un 15-20 nomi), di str... ne hanno beccati e segnalati parecchi ma stanno sempre li a fare quello che gli pare, tant'è che in diversi campeggi francesi (quelli naturisti veri) viene fatto divieto di ingresso agli italiani a meno di un garante e comunque sotto continua sorveglianza durante la permanenza... Una volta che feci una segnalazione mi si rispose "non voglio beccarmi una denuncia, prossimo anno non gli do il bollino".
Gli str... portano soldi, i naturisti no...

Naturisti e basta!
Torna all'inizio della Pagina

Andrea vi
iNudistfedelissimo

husky


Regione: Italy


1739 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 11:36:23  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Andrea vi  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Andrea vi  Rispondi Quotando
non so di che campeggi francesi parli ma ne ho girati parecchi,obbligo di tessera per i singles in quasi tutti,problemi con gli italiani non mi risulta

life is like yoyo,luck is just a given up go! go!
Torna all'inizio della Pagina

Andrea vi
iNudistfedelissimo

husky


Regione: Italy


1739 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 13:18:53  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Andrea vi  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Andrea vi  Rispondi Quotando
Sostanzialmente la grossa diatriba è fra chi vorrebbe il naturismo solo nelle strutture private e magari pure selezionando gli accessi e chi come noi pur non avendo niente contro le strutture private si batte per avere spazi pubblici,non è un fenomeno solo italiano ma non credo che negli altri paesi sia così accentuato

life is like yoyo,luck is just a given up go! go!
Torna all'inizio della Pagina

Nudomark
iNudistfedelissimo


Regione: Lombardia
Prov.: Como
Città: Como


2469 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 14:03:02  Mostra Profilo Invia a Nudomark un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao a tutti, non volevo intervenire in questa discussione per non sembrare invadente verso chi ha pubblicato il post iniziale ma essendo naturista da 40 anni, associato da oltre 20 ed essendo stato dirigente e poi presidente per parecchi anni vorrei dire la mia dato che un po' di esperienza in merito credo di averne.
Evidenzio alcuni punti:
1) A.N.ITA. almeno nel mio periodo di presidenza (ma sicuro anche ora)è stata sempre all'interno di Fenait perché se si vuole cambiare e migliorare le cose è indispensabile farlo dall'interno in modo serio e costruttivo. Chi è uscito ha perso credibilità.
INF riconosce una sola federazione e poi spiegherò perché è decisivo avere i bollini.
2) La tanto discussa situazione Fenait ultimamente grazie al lavoro di quasi tutte le associazioni è molto migliorata, come avete visto il nuovo sistema di voto ha in parte spostato gli equilibri consentendo anche un ricambio che sicuramente è un primo passo.
3) Non è più come una volta, le associazioni stanno collaborando come mai in passato, sia grazie ad un rapporto più costruttivo sia per il naturale ricambio generazionale. Chio è ancora ancorato a modi di vedere antiquati si sta isolando da solo.
4) I bollini che tanti non amano sono in realtà indispensabili, ho girato mezza Europa in strutture naturiste e vi assicuro che entrerete sempre senza problemi senza bollino solo e forse se siete famiglia con due bimbi, in tutti gli altri casi che siate in Italia, Francia(Qui cito ad es. Euronat, CHM Renè Oltra, Montalivet) Spagna (Templo del Sol) Croazia o Austria se siete single, coppia glbt, e spesso anche etero entrate SOLO con tessera con bollino in corso.
5) Assicuro poi che se vi trovate di fronte a politici di ogni colore e parlate di spiagge e relative autorizzazioni, leggi o altro la prima cosa che chiedono è quanti tesserati avete...e garantisco che di fronte ai 4200 di Fenait molti vorrebbero chiudere lì...hai voglia a spiegare che in Italia i naturisti sono fra i 500.000 e il milione e che in Europa sono milioni...
Senza numeri importanti perdi il peso politico. E garantisco che se ci vuoi parlare da naturista semplice quasi sempre ti chiedono di avere a fianco un'associazione che dia garanzia di serietà.
6) Assicuro tutti che il clima di collaborazione fra associazioni è totalmente diverso che in passato, sono migliorati i rapporti e lo spirito. Anche verso i non tesserati si cerca di coinvolgere per dare aiuto in caso di problemi con la legge si cerca di dare partecipazione agli eventi ai non tesserati per avvicinarli e coinvolgerli. (Ovvio che comunque si debba tenere prima presente i soci)
7) L'attenzione è posta molto (io parlo di A.N.ITA. ma so anche di molti altri) sui luoghi pubblici, è a questi che si punta per diffondere il naturismo e cercare di farne anche business per il nostro paese.
Potrei dire anche altro ma mi fermo, non vorrei esagerare, vi chiedo però da naturista di collaborare fra tutti, come sta succedendo ad esempio fra questo sito e alcune associazioni, tutti dobbiamo sentirci parte di un unico movimento. Pian piano molte cose stanno cambiando, dobbiamo avere la forza di superare incomprensioni e vecchie ideologie ma tutti insieme se vogliamo ottenere ciò che tutti noi auspichiamo!

Socio A.N.ITA. dal 1998
Naturista dal 1976

Modificato da - Nudomark in data 08/02/2018 14:09:14
Torna all'inizio della Pagina

Nudomark
iNudistfedelissimo


Regione: Lombardia
Prov.: Como
Città: Como


2469 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 14:17:16  Mostra Profilo Invia a Nudomark un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Rispondo ad Imperatore:
Si anche all'estero esistono molte associazioni federate alla Federazione Nazionale.
Ti consiglio di visitare il sito dell'INF che ha i link delle varie federazioni così puoi farti un'idea generale del resto del mondo.

Socio A.N.ITA. dal 1998
Naturista dal 1976
Torna all'inizio della Pagina

PassioneFkk
iNudistamico


Regione: Lombardia
Prov.: Milano
Città: Milano


175 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 17:07:22  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Nudomark ha scritto:

Ciao a tutti, non volevo intervenire in questa discussione per non sembrare invadente verso chi ha pubblicato il post iniziale ma essendo naturista da 40 anni, associato da oltre 20 ed essendo stato dirigente e poi presidente per parecchi anni vorrei dire la mia dato che un po' di esperienza in merito credo di averne.
Evidenzio alcuni punti:
1) A.N.ITA. almeno nel mio periodo di presidenza (ma sicuro anche ora)è stata sempre all'interno di Fenait perché se si vuole cambiare e migliorare le cose è indispensabile farlo dall'interno in modo serio e costruttivo. Chi è uscito ha perso credibilità.
INF riconosce una sola federazione e poi spiegherò perché è decisivo avere i bollini.
2) La tanto discussa situazione Fenait ultimamente grazie al lavoro di quasi tutte le associazioni è molto migliorata, come avete visto il nuovo sistema di voto ha in parte spostato gli equilibri consentendo anche un ricambio che sicuramente è un primo passo.
3) Non è più come una volta, le associazioni stanno collaborando come mai in passato, sia grazie ad un rapporto più costruttivo sia per il naturale ricambio generazionale. Chio è ancora ancorato a modi di vedere antiquati si sta isolando da solo.
4) I bollini che tanti non amano sono in realtà indispensabili, ho girato mezza Europa in strutture naturiste e vi assicuro che entrerete sempre senza problemi senza bollino solo e forse se siete famiglia con due bimbi, in tutti gli altri casi che siate in Italia, Francia(Qui cito ad es. Euronat, CHM Renè Oltra, Montalivet) Spagna (Templo del Sol) Croazia o Austria se siete single, coppia glbt, e spesso anche etero entrate SOLO con tessera con bollino in corso.
5) Assicuro poi che se vi trovate di fronte a politici di ogni colore e parlate di spiagge e relative autorizzazioni, leggi o altro la prima cosa che chiedono è quanti tesserati avete...e garantisco che di fronte ai 4200 di Fenait molti vorrebbero chiudere lì...hai voglia a spiegare che in Italia i naturisti sono fra i 500.000 e il milione e che in Europa sono milioni...
Senza numeri importanti perdi il peso politico. E garantisco che se ci vuoi parlare da naturista semplice quasi sempre ti chiedono di avere a fianco un'associazione che dia garanzia di serietà.
6) Assicuro tutti che il clima di collaborazione fra associazioni è totalmente diverso che in passato, sono migliorati i rapporti e lo spirito. Anche verso i non tesserati si cerca di coinvolgere per dare aiuto in caso di problemi con la legge si cerca di dare partecipazione agli eventi ai non tesserati per avvicinarli e coinvolgerli. (Ovvio che comunque si debba tenere prima presente i soci)
7) L'attenzione è posta molto (io parlo di A.N.ITA. ma so anche di molti altri) sui luoghi pubblici, è a questi che si punta per diffondere il naturismo e cercare di farne anche business per il nostro paese.
Potrei dire anche altro ma mi fermo, non vorrei esagerare, vi chiedo però da naturista di collaborare fra tutti, come sta succedendo ad esempio fra questo sito e alcune associazioni, tutti dobbiamo sentirci parte di un unico movimento. Pian piano molte cose stanno cambiando, dobbiamo avere la forza di superare incomprensioni e vecchie ideologie ma tutti insieme se vogliamo ottenere ciò che tutti noi auspichiamo!


Grazie per i chiarimenti e le spiegazioni.
Sono contento, da naturista appartenente a una grande comunità, di questi progressi. Tanto ancora dobbiamo fare, ma sono sicuro che si farà con la collaborazione e il supporto di tutti.
Torna all'inizio della Pagina

sergino
iNudistaffezionato

sergino


Regione: Lombardia
Prov.: Bergamo


480 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 22:41:26  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sergino  Rispondi Quotando
Non potrei dire di meglio di quanto scrive Marco!

A_Fenice: il voto alla presidente UNI è stato dato perchè è giusto che il presidente di quella che in qualche modo è l'associazione con più "Bollinati" (senza voler entrare nel merito), fosse presente in un consiglio di Federazione, il voto le è stato dato per correttezza, ma questa correttezza, non è stata dimostrata da UNI nei confronti del presidenti A.N.ITA. Difficile forse da comprendere o concepire, ma al presidente uscente non sono andate le preferenze dell'associazione.
Il punto 1) non l'ho compreso, comunque tutte le associazioni hanno diritto di voto, logicamente quelle presenti. A memoria so che c'erano 21 voti 6 UNI; 4 A.N.ITA.; 2 ANEI, TreVeNat, Liburinia, ANAB, A

Siman: L'autogol forse lo hanno fatto loro, nella speranza che qualcuno possa capire...

A.N.ITA. crede nell'importanza dell'esistenza di una federazione, certamente con delle prerogative diverse da quelle fin qui portate avanti.
Lo scorso anno è nato un campeggio naturista nei pressi della spiaggia del Nido dell'Aquila, per loro scelta non si sono voluti convenzionare a Fenait. Ai soci A.N.ITA. applicano uno sconto sul soggiorno. Vi sono altre piccole strutture che fanno o hanno fatto in passato la stessa cosa...

Imperatore: Di fondo vi sono due concezioni diverse di come interpretare la possibilità di vivere il naturismo: una solo ed esclusivamente all'interno di campi recintati; l'altra anche di viverlo in ambiti pubblici, non escludendo la possibilità di frequentare anche i campi... Purtroppo gli interessi economici non aiutano ad appianare la situazione.
In Francia, sembra che siano usciti recentemente in gran numero da INF, non so cosa abbiano in mente... In terra Iberica (per altri e comprensibili motivi), fra Catalani ed il resto della federazione iberica, non corre buon sangue anche se fanno parte della stessa federazione che aderisce alla federazione internazionale.

Naturistasicano: Concordo!



Consiglio direttivo A.N.ITA
Torna all'inizio della Pagina

siman
iNudistfedelissimo

siman


Regione: Liguria
Prov.: Savona
Città: Marchesato Del Carretto


11168 Messaggi

Inserito il - 08/02/2018 : 23:21:17  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di siman  Rispondi Quotando
sergino ha scritto:



Siman: L'autogol forse lo hanno fatto loro, nella speranza che qualcuno possa capire...





Certo.
Infatti ho parlato di "quasi" autogol.

Di sicuro (se ho capito bene il senso dei tuoi post) avete sfiduciato la vecchia dirigenza e questa indubbiamente è una vittoria (o passo in avanti).




UN FORUM E' COME UN'ORCHESTRA. MA FAR PARTE DI UN'ORCHESTRA NON SIGNIFICA SAPER COMPORRE UNA SINFONIA.

SII FELICE DA VIVO PERCHE' RIMARRAI MORTO PER UN BEL PEZZO

Semel in anno licet insanire



Torna all'inizio della Pagina

a_fenice
iNudisti Staff - Admin a_fenice@inudisti.it

nuovo


Regione: Umbria
Prov.: Perugia
Città: città di castello


21031 Messaggi

Inserito il - 09/02/2018 : 20:58:40  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di a_fenice Invia a a_fenice un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
@sergino: ti spiego il mio punto di vista sul voto. Il voto serve per esprimere preferenze, e si preferisce chi è meglio, chi si spera faccia meglio.
Ma se anche lì il voto va come nelle politiche italiane, in cui si vota senza “guardare”, beh diventa inutile il voto. Tanto vale che presentino i nomi dei destinati e si faccia un applauso di buon lavoro. Nelle democrazie dovrebbe esistere il buon senso di dire: hai gestito per decenni, hai fatto disastri nel poco che hai fatto, rappresenti solo i clienti del tuo campeggio (altro che non parlarne), quindi servirà a poco ma il mio voto per riaverti ancora tra i piedi non te lo do. Che senso ha votare una lista predefinita in cui le variabili sono al minimo?
Poi, non sono io a dover votare, quindi chi lo ha fatto si prende meriti e demeriti, avrà avuto i suoi motivi, ma io ragiono diversamente. Il voto serve per scegliere, e se possibile scelgo ciò che credo sia meglio… e chi ho già assaggiato per anni con ampia delusione, non lo voterò mai. Dimostrazione che il “voto di scambio” non è stato scambiato, e a prenderla in saccoccia indovina chi è, di nuovo?

La domanda uno: se non ricordo male c’erano almeno 13 associazioni, almeno fino a due anni fa. Che tre fossero legate a filo doppio lo sapevo, ma speravo che gli altri votassero per mettere finalmente in atto il processo di cambiamento.
A naso vedo due persone veramente con idee nuove, ma il cui voto rimane una minoranza. Riusciranno a farcela? Ci spero, me lo auguro, ma mi rimane il dubbio.

Bollini: io ho parlato con tanti, e qualcosa mi son mosso anche io. Avessi mai ma mai dovuto tirar fuori la mia tessera per entrare da qualunque parte. E non ero certo in coppia.
Poi penso a tutti i soci Aner, assonatura, conait, conacreis, loro non hanno bollino inf, e non risulta che gli serva per entrare nei campeggi.
Dirò di più, se riesco a scrivere una maledettissima lettera, ai campeggi croati, tanto per cominciare, ci accettano anche la card di iN. Quindi ripeto, bollino per cosa?

Quanto al voler rimanere dentro, rimane sempre l’ipotesi che fu presentata a xxx (la notizia è semiriservata, quindi non faccio nomi pubblici. Ci fu detto: siete stanchi di coloro e volete liberarvene e col sistema di tesseramento e voto non riuscite? Staccatevi, unitevi al di fuori di essa, e chiedete di riconoscere voi al posto suo.
Ci vuole un po’ di lavoro, ma non è impossibile a realizzarlo




Max Pg- http://www.inudisti.it/it/amici/amico.aspx?id2=990

Libero Pensatore - Ciò che non farei non dovrà mai diventare ciò che non devono fare gli altri. - Stay hungry, stay foolish - Per aspera ad astra - Casa mia e cosa ci puoi trovare http://villafenice.blogspot.it
Torna all'inizio della Pagina

Fiden
iNudistamico


Regione: Emilia Romagna
Prov.: Forlì-Cesena
Città: Terra del Sole


139 Messaggi

Inserito il - 09/02/2018 : 23:26:47  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Fiden  Rispondi Quotando
Sono sostanzialmente daccordo con A_Fenice.
E' ora di dire basta alla Fenait del Conducator|
Io lo volevo fare nel 2001 ma l'assemblea ANER mi fermò e mi sostituì Marcacci.
Poi lasciai anche l'ANER.
Torna all'inizio della Pagina

sergino
iNudistaffezionato

sergino


Regione: Lombardia
Prov.: Bergamo


480 Messaggi

Inserito il - 10/02/2018 : 13:31:55  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sergino  Rispondi Quotando
Be! sebbene faccia parte del CD di A.N.ITA. non partecipo alle riunioni di Fenait, perchè personalmente non sono in grado di gestire gli equilibri "delicati" esistenti all'interno della Federazione.
Io comunque credo indispensabile che vi sia una federazione che possa funzionare da portavoce istituzionale di tutto il movimento, che sia garante nei rapporti istituzionali e mantenga i rapporti internazionali con le altre associazioni, cosa che fin'ora non è mai stata, ma che auspico lo possa essere in un futuro.
Sempre mia opinione personale, a parte alcuni gruppi "liberi" che non sono strutturati come associazioni, gli altri non dimostrano di certo lungimiranza, non sono scevri da personalismi e dal rappresentare forti interessi personali od economici.
A-Fenice: Cit i Aner, assonatura, conait, conacreis... gli ultimi tre da quel poco che so si potrebbero condensare in un'unica sigla o se vogliamo persona, di Aner so solo che hanno scelto di isolarsi di sentirsi superiori, gli "unici", i perseguitati da complotti vari e ne sapete anche voi qualcosa per via della concomitanza di una vostra iniziativa con la loro (un paio di anni fa), anche ad A.N.ITA. è successa una cosa simile (fra l'altro le date non erano neppure le stesse e si parlava di cose diverse e fatte in regioni diverse, ma le minacce sono state moto pesanti ed al limite del parossismo... per cui con chi lavorare per riuscire raggiungere dei risultati anche istituzionali, se non con una federazione che sia portavoce delle attività e delle istanze delle varie associazioni?
Le associazioni a memoria sono attualmente 10 e purtroppo una terza pare essersi "legata a filo doppio..." (è una piccola associazione). L'associazione Costalunga si è nel frattempo sciolta, e qualcuno ha detto "cannabilizzata da A.N.ITA. (non il campeggio di Sassello che fra le altre cose sta aumentando le presenze e sta facendo ottimo lavoro).
Calcolando che UNS (i Siciliani), non erano presenti all'assemblea, avevano garantiti 11 voti su 21 e se leggi i risultati tali sono gli equilibri...

Imperatore: Effettivamente gli interessi economici ed i personalismi hanno uno buona responsabilità, ma ti assicuro che attualmente non si trova sponda politica e come anche confermato dall'ON. Rostellato, nel vecchio parlamento sulla cosa vi era l'interesse solo di due parlamentari Rostellato e Lacquaniti, per il resto disinteresse, per il prossimo temo che non vi saranno persone interessate alla cosa.
Il tentativo di fare un convengo in parlamento organizzato da "FENAIT", per cercare di smuovere un po' le acque, è fallito miserabilmente lo scorso anno, nonostante la data già fissata, per l'intervento a bomba di una associazione, in precedenza autoesclusasi da Fenait, che prevaricando gli organizzatori, pretendeva la partecipazione di tre loro relatori... il convegno è saltato, la figura fatta dal movimento naturista, è stata veramente una magra figura. Dobbiamo riuscire a superare tutti questi problemi se vogliamo essere in grado di fare movimento, è difficile ma dobbiamo è l'unico modo per presentare il naturismo in modo dignitoso difronte alla gente ed alle istituzioni. Quello è quanto sta cercando A.N.ITA. di fare, assieme ad altre associazioni e gruppi liberi (fra cui anche i nudisti), altrimenti continueremo ad essere fraintesi e non riusciremo mai a sdoganare il nostro voler star (anche) nudi, scevro da morbosità, malizie e secondi fini...

Fiden: Il Conducador è alle corde, prova ad incontralo, ne proveresti quasi pietà, ma gli interessi purtroppo rimangono.




Consiglio direttivo A.N.ITA
Torna all'inizio della Pagina

Fede
iNudistfedelissimo

Bunny


Regione: Veneto
Prov.: Treviso


2638 Messaggi

Inserito il - 10/02/2018 : 15:32:00  Mostra Profilo Invia a Fede un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao a tutti, ho letto tutti gli interventi di questa discussione e sono rimasto abbastanza disgustato da capire che anche in questo frangente gli interessi economici di piccoli gruppi sono un ostacolo per gli interessi di tutti i nudisti.
Io vorrei sostenere un'associazione che è favorevole agli spazi pubblici per tutti i nudisti. francamente trovo insopportabili conflitti di interesse oltre che in politica, anche in questo frangente.
Grazie sergino per la tua spiegazione.

nosci te ipsum
Torna all'inizio della Pagina

a_fenice
iNudisti Staff - Admin a_fenice@inudisti.it

nuovo


Regione: Umbria
Prov.: Perugia
Città: città di castello


21031 Messaggi

Inserito il - 10/02/2018 : 19:05:01  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di a_fenice Invia a a_fenice un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Piccola nota per sergino: le associazioni separatiste indicate, le ho portate a mero esempio per dire che il bollino inf non è poi così indispensabile. Sulla condotta e pensieri delle medesime, ci sarebbe ampio spazio di discussione, ma non è questa la sede ne le porto ad esempio. Ricordo che più o meno 11-12 anni fa, conait fu fondata da Aner, assonatura, econat (ormai defunta e Anita, come contrapposizione a fenait. L’esperimentoforse era immaturo per i tempi, è stato abbandonato dopo il, oserei dire, debole tentativo di separazioni ne verso inf, e a prescindere su tutto, nessuno vuole effettivamente uscite da inf, ma cambiare la gestione italiana.
Gestione in cui alcuni grandi vecchi (alias saggi ma antiquati), ancora sostengono il nudismo da campeggio, chiuso, e questo deve modificarsi. Solo che se ancora viene dato il potere di comandare ai proprietari di campeggio, è un cane che si morde la coda. Sarebbe da notare che anche una delle “concorrenti” usa lo stesso metro di misura, ma non possiamo scendere nei particolari o credo si vada troppo ot.

Rimane il fatto che combattere per far cambiare le idee e i comportamenti è lodevole, farlo sostenendo che solo il bollino inf da diritto di accesso ai campeggi, no, è sbagliato. E dirò di più, se per poter entrare nei campeggi dovessi avere quel maledetto francobollo, motivo ancora maggiore per separarmi e legarmi ad altri e contrastare un consiglio che almeno finora ha rappresentato solo 4 persone, massimo cinque.
So che la cosa non si risolve in una chiacchierata da forum, so che i contrarti son tanti, so che sono 12 anni che sento le stesse querelle, e so soprattutto che, idee e esternazioni del presidente a parte, c’è ne sono che navigano fuori federazione e che non gli manca proprio nulla rispetto ai federati. Questo va riconosciuto.




Max Pg- http://www.inudisti.it/it/amici/amico.aspx?id2=990

Libero Pensatore - Ciò che non farei non dovrà mai diventare ciò che non devono fare gli altri. - Stay hungry, stay foolish - Per aspera ad astra - Casa mia e cosa ci puoi trovare http://villafenice.blogspot.it
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum de iNudisti © 2006 / 2018 iNudisti Torna all'inizio della Pagina
Snitz Forums 2000