Header image
La più grande community Nudista d'Italia!
Home Amici Blog eZine Luoghi Link Regolamento Facebook Instagram
Forum de iNudisti
Forum de iNudisti

Forum de iNudisti
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
 Tutti i Forum
 Servizi e Informazioni
 Idee e Progetti
 Idea per stabilimento balneare naturista

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
Clicca qui per sottoscrivere questa Discussione.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
gabri72 Inserito il - 21/05/2020 : 14:16:14
Ho pensato per una potenziale possibilità di un tipo di struttura già esistente che secondo me potrebbe essere riconvertita in luogo dove si possa esercitare il nudismo in totale sicurezza,cioè il modello dello stabilimento balneare naturista.
Oltre ai tradizionali ambineti come terreni privati(villaggi,campeggi,agriturismi)o aree pubbliche riservate(spiagge libere autorizzate)lo stabilimento rientra nel tipo di terreni pubblici ma dati in concessione e quindi come un terreno privato con regolamento interno e annessi tutti i servizi(ombrelloni,sdraio,lettini,bar-ristoro,cabine e bagni,ecc.)come quelli tessili. Consapevole però che facile e dire ma non altrettanto a farsi,bisogna guardare in faccia alla realtà(lasciando perdere l'attuale stato di emergenza),ci sarebbero imprenditori o soci decisi ad investire per questa iniziativa??
Si potrebbero prendere le adeguate misure per gli stabilimento balneari di questo tipo in modo che non siamo a vista,non siano disposti in zona centrale del litorale o di forte passaggio

Immagine:

58,3 KB,magari messi in periferia o nei promontori tra una località e l'altra..ma arrivo al dunque: per rinnovare l'offerta turistica italiana per il prossimo futuro,facciamo un ipotesi..ci sarebbero i clienti sufficienti per questo tipo di struttura?La domanda è..se in Italia i nudo-naturisti siam 4 gatti tra associati e non,dall'estero vengono in pochi(vista la forte concorrenza)come si potrebbe fare decolarre questo tipo di ambiente?Questo è solo un mio dubbio.
Che ne pensate?? Saluti a tutti/e voi
14   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
Eroe Inserito il - 29/05/2020 : 19:19:36
peaceelove ha scritto:

...
Concordo nell'idea di lasciare il paesaggio più naturale e meno schematizzato da ombrelloni in fila

Figurati che io trovo aberranti le riforestazioni fatte piantando alberi tutti della stessa essenza, della stessa altezza e soprattutto messi in fila. Un bosco o foresta pur avendo un tipo di albero, come essenza principale, hanno anche altri alberi e non nascono in fila e sono quasi tutti di altezze diverse oltre ad essere presenti numerosi cespugli. Ecco questo apparente disordine per me è realmente naturale e resiste meglio anche agli eventi atmosferici. Per cui se gestissi uno stabilimento balneare naturista metterei gli ombrelloni, rispettando le distanze, in una disposizione diversa dalla solita fila e li metterei anche di colore diverso fra loro.
peaceelove Inserito il - 29/05/2020 : 11:49:04
Eroe ha scritto:

peaceelove ha scritto:

Qui in calabria c'è il camping con annessa spiaggia con baretto e tavoli, ma non offre servizio lettini/sdraio/ombrelloni......secondo me un motivo ci sarà. ...

Credo che il motivo sia forse un'altro ovvero dovrebbero chiedere la gestione della spiaggia, tipo stabilimento balneare, al comune, pagando la relativa tassa, altrimenti non puoi impiantare ombrelloni e lasciarli li notte e giorno. Forse sanno che non gli darebbero questa concessione in quanto mi sembra che su tot chilometri di costa una percentuale i comuni devono lasciarla a spiaggia libera o forse perché la gestione implica dei servizi, come bagni, da istallare nei pressi della spiaggia. In ogni caso per il mio gusto ombrelloni piantati in fila fanno perdere il sapore di selvaggio e naturale alla costa.


Se montano già la piattaforma in legno con chiosco bar e tavoli sulla spiaggia non penso il problema sia di autorizzazione. Concordo nell'idea di lasciare il paesaggio più naturale e meno schematizzato da ombrelloni in fila
Eroe Inserito il - 27/05/2020 : 21:38:30
peaceelove ha scritto:

Qui in calabria c'è il camping con annessa spiaggia con baretto e tavoli, ma non offre servizio lettini/sdraio/ombrelloni......secondo me un motivo ci sarà. ...

Credo che il motivo sia forse un'altro ovvero dovrebbero chiedere la gestione della spiaggia, tipo stabilimento balneare, al comune, pagando la relativa tassa, altrimenti non puoi impiantare ombrelloni e lasciarli li notte e giorno. Forse sanno che non gli darebbero questa concessione in quanto mi sembra che su tot chilometri di costa una percentuale i comuni devono lasciarla a spiaggia libera o forse perché la gestione implica dei servizi, come bagni, da istallare nei pressi della spiaggia. In ogni caso per il mio gusto ombrelloni piantati in fila fanno perdere il sapore di selvaggio e naturale alla costa.
peaceelove Inserito il - 27/05/2020 : 18:27:07
Qui in calabria c'è il camping con annessa spiaggia con baretto e tavoli, ma non offre servizio lettini/sdraio/ombrelloni......secondo me un motivo ci sarà. Probabilmente quello di non poterne avere tanti per tutti i clienti ma forse non solo, magari come ha già detto qualcuno negli anni si sono resi conto che i nudisti preferiscono la natura più libera.
a_fenice Inserito il - 22/05/2020 : 07:06:20
Finché in Italia non cambia e non viene bloccata la caccia alle streghe e si rischia di vedersi a pagare 3000& di multe, il turismo nudista possiamo scordarcelo. Considera intanto che anche all’estero stanno riconvertendo a tessile molte strutture, sia perché il tessile spende di più anche se vuole più servizi, sia perché un nudista e spesso fonte di guai soprattutto se le sue origini sono italiane. Dove andiamo riusciamo a buttare tutto a sesso e rovinare ogni cosa.
Basta l’esempio eclatante di Barcellona, dove giravi nudo per le ramblas, fino all’arrivo dei ragazzi italiani che non solo si mettevano nudi ma facevano casini sexy per le strade e nagozi, fino ad arrivare alle ordinanze blocca tutti.
Da noi diversi hanno provato, o ne avevano le intenzioni, per poi ritrovarsi con quelli che cercano altro in maniera plateali, non al chiuso delle loro residenze, e quindi ulteriori bordelli.
Al Classe la situazione era sotto controllo fino ad anni fa, per poi precipitare grazie a una manica di persone a cui è stata data troppa libertà, e ha passato un brutto periodo di astinenza di vacanzieri. Gli ultimi stranieri nudisti sceglievano di rimanere nella parte tessile per non essere coinvolti in scenette che prima nessuno si sognava di vedere pubblicamente. Nulla di eclatante ma troppo fuori le righe. Ad oggi han dato una stretta di vite, ma riesci a star nudo solo di giorno, per esempio, e la sera tutto diventa disperatamente tessile.

Prendi in considerazione le spiagge. Per quanto andiamo fieri dei pochi posti riconosciuti, cosa abbiamo di realistico? 100 mt di litorale qua e là senza campeggi, senza alberghi etc. Roba da ghetto totale. Per non parlare di stabilimenti. A parte che pochissimi ci verrebbero per costi e situazione (zero naturalità) ti immagini quanti dei bagni vicini accetterebbero di vedere piselli a spasso? Se fossero di sole donne… probabile stiano tutti zitti e felici, ma …

Credo che l’industria nudista sia una fonte enorme di guadagno, ma se non cambia legislazione e fame degli allupati… continueremo a sognarla anche in futuro


Andrea vi Inserito il - 21/05/2020 : 22:05:48
tu non hai nessun problema,i più preferiscono andare in Francia o Croazia(magari andrebbe bene per quei c... che vanno nei villaggi istriani per restare vestiti) e oltre al presunto milione di naturisti italiani devi contare i 20 milioni di naturisti europei che escludono a priori l'Italia che invece sarebbero più facili da accalappiare degli italiani appunto perchè come ho scritto prima l'Italia può offrire altro da affiancare al naturismo,per esempio con tutti i suoi difetti il Classe tutto sommato un buon giro di stranieri lo ha,ma perchè Ravenna è già una città d'arte se poi ci aggiungi che in meno di 2 ore puoi andare a Firenze o Venezia hai qualcosa che attira gli stranieri anche se l'offerta naturista non è granchè.
gabri72 Inserito il - 21/05/2020 : 21:51:51
Andrea vi ha scritto:

il problema più grosso è che anche se qualcuno volesse avventurarsi e aprire qualcosa non potrebbe comunque competere con le realtà estere:ammesso di aprire un bagno naturista dove dormi?


Al di fuori di un bagno naturista dove dormirei?Io personalmente non avrei nessun problema soggiornare in un comune albergo tessile(dove comunque non è proibito stare nudi/e nelle proprie camere di sogiorno),l'importante che io possa stare in spiaggia senza quello scomodo e bruttissmo costume da bagno!

Concordo cone te che rispetto ad altri paesi europei(Francia,ecc.)siamo indietro,ma siamo italiani,conosciamo il nostro paese abbiamo mentalità diversa e dobbiamo in qualche maniera valorizzare le nostre differenze e tradizioni,tra cui quello che potrebbe essere un eventuale stabilimento balneare convertito al naturismo(ma questo sarebbe valido anche per altre strutture=piscine all'aperto,parchi urbani o di campagna,ecc.),fare qui da noi quello che c'è all'estero per questi tempi io la vedo impossibile,meglio partire dalle piccole cose,sulla battuta "dei 4 gatti" io non ho i dati in mano di quanti siamo,ma nonostante l'Italia sia il terzo paese più popoloso dell'europa dopo Germania e Francia ho molti dubbi che qui da noi ci siano milioni di naturisti..ma qui si rischia di andare OT! Saluti
Andrea vi Inserito il - 21/05/2020 : 20:56:47
Sicuramente anzi ormai i siti delle strutture francesi specificano se si tratta di narurisme familial ou libertin, il problema è quando c'è convivenza forzata fra l'altro non fra naturisti libertini ma proprio libertini che si spogliano solo quando c'è da fare e naturisti, almeno a cap gli spazi sono enormi e c'è spazio per tutti ma nonostante la convivenza sia possibile il grosso delle famiglie va a Leucate
siman Inserito il - 21/05/2020 : 19:59:47
Andrea vi ha scritto:

il classe ha due problemi ridondanti:pochi naturisti quindi spazio ai trasgressivi,spazio ai trasgressivi quindi pochi naturisti
il problema della Croazia è che secondo me a forza di tollerare tutti non c'è più posto per i naturisti:dimmi perchè dovrei andare in un posto pieno di costumati che mi danno dell'esibizionista perchè resto nudo ovunque e del maniaco perchè sono single,controprova è che in Francia dove non hanno abdicato le regole pensando ad un maggiore incasso non c'è tutta questa crisi delle strutture naturiste


Non essendo mai stato al Classe ignoravo l'equazione/problema naturisti vs trasgressivi.
Tuttavia, perdonami, ma nominando Cap d'Agde e Ile du Levant non è che prendi come esempio luoghi dove i naturisti propriamente detti sono maggioranza sui trasgressivi...al limite sono in pareggio.

In Francia, secondo me e forse sbaglio, offrono così tante soluzioni ai trasgressivi di qualunque specie e sessualità (non vuole essere un complimento ma solo un dato di fatto) che possono cavarsela (anche) strutture solo correttamente nudiste.



Andrea vi Inserito il - 21/05/2020 : 19:09:15
il classe ha due problemi ridondanti:pochi naturisti quindi spazio ai trasgressivi,spazio ai trasgressivi quindi pochi naturisti
il problema della Croazia è che secondo me a forza di tollerare tutti non c'è più posto per i naturisti:dimmi perchè dovrei andare in un posto pieno di costumati che mi danno dell'esibizionista perchè resto nudo ovunque e del maniaco perchè sono single,controprova è che in Francia dove non hanno abdicato le regole pensando ad un maggiore incasso non c'è tutta questa crisi delle strutture naturiste
siman Inserito il - 21/05/2020 : 18:35:04
Andrea vi ha scritto:

i naturisti italiani non sono 4 gatti solo che vanno tutti all'estero
il problema più grosso è che anche se qualcuno volesse avventurarsi e aprire qualcosa non potrebbe comunque competere con le realtà estere:ammesso di aprire un bagno naturista dove dormi?in una struttura tessile,come ci arrivi alla spiaggia?vestito e vorresti competere con realtà come quelle del sud della Francia(es.Cap D'agde Ile du Levant o Port Leucate)dove non c'è una spiaggia ma un intero quartiere naturista e dove stai nudo ovunque anche per strada nei negozi nei bar e ristoranti o vuoi competere coi villaggi istriani da 5000 posti dove esci dal tuo alloggio a prescindere che sia tenda bungalow o appartamento e vai dritto in spiaggia comodamente senza vestiti?
L'unica possibilità per l'Italia sarebbe quella di abbinare il naturismo con altri tipi di turismo che gli stranieri ci invidiano(atre cultura e gastronomia in primis)ma quello che non dovrebbe mancare è una struttura ricettiva collegata direttamente ad un posto dove si possa fare naturismo



Forse 4 no...ma parafrasando una famosa canzone dello Zecchino d'Oro, se li metti in fila per sei non ti avanzano i due per farci il resto e sicuramente molto "compatti" non me li sembrano.

Scherzi a parte, più volte ho letto qui dentro rammarico sul Camping Classe di Lido di Dante, che amplia sempre di più la sua zona tessile a discapito di quella nudista.
Idem anche su un grande campeggio nudista in Croazia.
Ora, dato per presumibilmente certo che la causa non sia un'improvvisa avversione per i titolari di queste strutture verso il nudismo...
...l'unica altra ragione mi pare fin troppo intuibile.

Andrea vi Inserito il - 21/05/2020 : 16:52:54
i naturisti italiani non sono 4 gatti solo che vanno tutti all'estero
il problema più grosso è che anche se qualcuno volesse avventurarsi e aprire qualcosa non potrebbe comunque competere con le realtà estere:ammesso di aprire un bagno naturista dove dormi?in una struttura tessile,come ci arrivi alla spiaggia?vestito e vorresti competere con realtà come quelle del sud della Francia(es.Cap D'agde Ile du Levant o Port Leucate)dove non c'è una spiaggia ma un intero quartiere naturista e dove stai nudo ovunque anche per strada nei negozi nei bar e ristoranti o vuoi competere coi villaggi istriani da 5000 posti dove esci dal tuo alloggio a prescindere che sia tenda bungalow o appartamento e vai dritto in spiaggia comodamente senza vestiti?
L'unica possibilità per l'Italia sarebbe quella di abbinare il naturismo con altri tipi di turismo che gli stranieri ci invidiano(atre cultura e gastronomia in primis)ma quello che non dovrebbe mancare è una struttura ricettiva collegata direttamente ad un posto dove si possa fare naturismo
Eroe Inserito il - 21/05/2020 : 16:20:00
Forse si forse no dipende anche dai gusti dei nudisti / naturisti che in buona parte amano luoghi i più selvaggi possibili e la presenza di uno stabilimento toglie gran parte dell'incanto del contatto con la natura.
Personalmente anni fa ho avuto un rigetto degli stabilimenti balneari e se ho un luogo alternativo, ove non ci sono, preferisco andare li.
siman Inserito il - 21/05/2020 : 14:27:45
Un conto è riflettere su una attività partendo dal nulla, ammesso e non concesso di ottenere il permesso di renderla nudista se facilmente raggiungibile e/o visibile dall'esterno.
Diverso rilevare un'azienda ricettiva preesistente che, a fronte della richiesta economica di cessione, può dimostrarti la congruità del tuo investimento, attraverso gli incassi pregressi da una clientela che non ti interessa e che comunque perderesti.
Auguri.


Forum de iNudisti © 2006 / 2019 iNudisti Torna all'inizio della Pagina
Snitz Forums 2000