Header image
La più grande community Nudista d'Italia!
Home Amici Blog eZine Luoghi Link Regolamento Facebook Instagram
Forum de iNudisti
Forum de iNudisti

Forum de iNudisti
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
 Tutti i Forum
 Racconti e Opinioni
 Ecologia & ambiente
 nudisti, naturisti e nucleare

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
Clicca qui per sottoscrivere questa Discussione.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
mirko Inserito il - 19/02/2010 : 18:14:55
ritorna la notizia del apertura di centrali nucleari in italia e mi sono posto alcuni interrogativi, dei quali mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi tutti:
1)sono veramente intenzionati ad aprire centrali nucleari in italia, o è solo l anticipazione di nuovi rincari di bollette e carburanti?
2)sarebbe veramente la strada giusta da percorrere per cercare di soddisfare i nostri fabbisogni
3)primi di partire per le ferie nei paesi stranieri,vi condiziona il fatto che a pochi km ci possa essere una centrale nucleare

l argomento è interessante e vasto, quindi chi piu ne ha piu ne metta
buona discussione
ciao a presto
30   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
Andrea vi Inserito il - 07/06/2015 : 09:59:10
in italiano non ho trovato nulla,sarà perchè una volta tanto ci siamo comportati meglio degli altri non lasciando coltivare le schifezze ogm della monsanto in Italia per cui da noi il problema non si pone,comunque coi distastri che il roundup ha provocato in sudamerica la novità non è che i pesticidi a base di glicofosfati provocano gravi danni alla salute di chi è esposto ma il fatto che l'UE si sta dando da fare per metterli fuori legge in tutta l'unione nonostante lo strapotere di una multinazionale come la monsanto
Eroe Inserito il - 07/06/2015 : 01:45:18
Andrea vi ha scritto:

a quanto pare ora la Germania si sta muovendo per vietare il roundup in UE,proprio disinformati quelli contro gli ogm
http://www.naturalnews.com/049847_glyphosate_herbicide_monsanto_european_union.html
Qualcosa di comprensibile in italiano?
Andrea vi Inserito il - 06/06/2015 : 08:56:08
a quanto pare ora la Germania si sta muovendo per vietare il roundup in UE,proprio disinformati quelli contro gli ogm
http://www.naturalnews.com/049847_glyphosate_herbicide_monsanto_european_union.html
Fede Inserito il - 22/07/2014 : 11:09:56
Sono d'accordo con Quagliozzi.
Qui c'è puzza di finanziamenti pubblici.
quagliozzi Inserito il - 13/07/2014 : 18:19:58
[/quote]
Qualsiasi azienda produce per far soldi e se li fa in modo pulito io non ci vedo niente di male. Per te chiunque lavori per guadagnare è sporco?
[/quote]

Tempo fa, ad "Ambiente Italia" (Rai 3) ho visto un signore a me noto per i suoi trascorsi (non proprio limpidi) in campo ambientale, presentato come paladino delle energie sostenibili. Siccome è da un pezzo che non credo più alle favole, piuttosto che ha un ravvedimento "ambientalista", penso ad una riconversione affaristica in un settore dove vengono dirottati molti finanziamenti.
I_Bucaneve Inserito il - 13/07/2014 : 17:47:03
Contrarissimo al nucleare!Poi, per come vengono fatte le cose qui in questo Paese, salterebbe tutto per l'aria dopo nemmeno 48h...!!
Eroe Inserito il - 19/10/2013 : 05:40:32
quagliozzi ha scritto:

Eroe ha scritto:

Ci sono grossi interessi (multinazionali soprattutto) che hanno come fine prioritario potere (lobby) e denaro fregandosene del pianeta poi ci sono altri che investono in cose positive. Credo di avere il diritto di criticare i primi e di parlare positivamente dei secondi o no?


C'è anche chi si è arricchito (alle nostre spalle) con le cose che tu ritieni positive. E non sono pochi.

Qualsiasi azienda produce per far soldi e se li fa in modo pulito io non ci vedo niente di male. Per te chiunque lavori per guadagnare è sporco?
Intanto leggetevi questo "Energia nucleare più economica?" per me è solo una fiaba .. http://qualenergia.it/articoli/20130327-energia-nucleare-solo-al-doppio-del-prezzo-di-mercato
quagliozzi Inserito il - 23/09/2013 : 15:45:22
Eroe ha scritto:

Ci sono grossi interessi (multinazionali soprattutto) che hanno come fine prioritario potere (lobby) e denaro fregandosene del pianeta poi ci sono altri che investono in cose positive. Credo di avere il diritto di criticare i primi e di parlare positivamente dei secondi o no?


C'è anche chi si è arricchito (alle nostre spalle) con le cose che tu ritieni positive. E non sono pochi.
Eroe Inserito il - 21/09/2013 : 03:55:53
siman ha scritto:

Eroe ha scritto:

Per quanto riguarda le alternative alle pale eoliche ho letto diversi articoli che riferiscono di ottimi risultati malgrado la ricerca nel settore e in tutte le fonti alternative procede, in sostanza, solo su iniziativa di privati.



Scusami ma a volte non ti capisco; forse sono io polemico o magari ti esprimi male tu o più facilmente leggo male io.

In qualche post precedente lanci anatemi contro il potere del denaro che vuol sopraffare la gente comune e adesso lodi l'iniziativa dei privati?
Da noi si dice: "Sciuscià e sciurbì nun se peu" (soffiare e succhiare contemporaneamente non si può); contesti l'imprenditoria privata in certi casi e in altri la lodi? Troppo facile, troppo comodo.

Ci sono grossi interessi (multinazionali soprattutto) che hanno come fine prioritario potere (lobby) e denaro fregandosene del pianeta poi ci sono altri che investono in cose positive. Credo di avere il diritto di criticare i primi e di parlare positivamente dei secondi o no?
siman Inserito il - 20/09/2013 : 16:29:38
Eroe ha scritto:

In effetti nessuno, privato o stato che sia, dovrebbe avere il diritto di istallare centrali ed altro che, in caso di incidente, può provocare danni enormi anche ad altre nazioni soprattutto se poi è impossibile risarcire i danni oltre a poter durare per migliaia d'anni come nel caso dell'attuale nucleare.


Qui concordo al 100% con te.
Ci sono ahimè due difficoltà oggettive:

1) il diritto internazionale sancisce che ogni Stato è sovrano entro i propri confini. Bisognerebbe (ma campa cavallo) che tale sacra libertà non comprendesse l'uso di sostanze radioattive a fini industriali.

2) se anche accettassero questo tuo condivisibile pensiero, si avrebbe una discrepanza tra stati così estesi da poter installare centrali al loro centro e perciò abbastanza (???) lontane da altri stati confinanti e stati poco estesi (Austria, Svizzera, Belgio, Danimarca ecc ecc ) che si sentirebbero (e sarebbero) discriminati.
siman Inserito il - 20/09/2013 : 16:03:28
Eroe ha scritto:

Per quanto riguarda le alternative alle pale eoliche ho letto diversi articoli che riferiscono di ottimi risultati malgrado la ricerca nel settore e in tutte le fonti alternative procede, in sostanza, solo su iniziativa di privati.



Scusami ma a volte non ti capisco; forse sono io polemico o magari ti esprimi male tu o più facilmente leggo male io.

In qualche post precedente lanci anatemi contro il potere del denaro che vuol sopraffare la gente comune e adesso lodi l'iniziativa dei privati?
Da noi si dice: "Sciuscià e sciurbì nun se peu" (soffiare e succhiare contemporaneamente non si può); contesti l'imprenditoria privata in certi casi e in altri la lodi? Troppo facile, troppo comodo.
siman Inserito il - 20/09/2013 : 15:55:27
Eroe ha scritto:

siman ha scritto:

... pago l'energia elettrica italiana un botto ...

Tenendo conto di quello che paghiamo per la benzina (un po' di petrolio si ne estrae anche da noi)sospetto che se anche producessimo tutta l'energia necessaria in Italia costerebbe lo stesso un botto.




Questa è una teoria tutta tua personale che non può avere alcun riscontro.
A meno che tu non abbia prove certe di quanto affermi, il tutto rimane assolutamente entro una (più che rispettabile) opinione personale senza prove a fondamento.
siman Inserito il - 20/09/2013 : 15:51:18
quagliozzi ha scritto:

siman ha scritto:

P.S. che esula dal contesto: personalmente son contro il nucleare ma abito "abbastanza e pericolosamente" vicino ad una centrale nucleare francese. Ergo, son contro il nucleare ma ne potrei subire i danni in caso di incidente, pago l'energia elettrica italiana un botto e i francesi più vicini a me (100 km) hanno bollette elettriche irrisorie.
Cacchio che culo che ho!



Non esula dal contesto, anzi. Torniamo al discorso che la politica energetica, quale essa sia, non si può decidere a livello locale. E considerando il raggio d'azione dell'inquinamento che può provocare un incidente nucleare, il livello locale può intendersi il livello "nazionale". La politica energetica, QUALE ESSA SIA, dev'essere a livello mondiale o, almeno, continentale. Diversamente ne avremo tutti da rimetterci.


Grazie Quagliozzi,
è proprio quello che intendevo dire: niente nucleare? D'accordissimo! Però TUTTI.

Ma se ho decine di centrali nucleari tutto attorno (nel mio caso, la Liguria) in Francia, Svizzera e Austria (senza contare quelle in altri paesi europei "nuclearmente comunque pericolosamente vicini", allora preferisco che siano i miei connazionali a controllare che io non perda la vita a seguito di un incidente (almeno ho anche io i benefici di una produzione elettrica più economica).
Eroe Inserito il - 20/09/2013 : 15:21:31
quagliozzi ha scritto:

... La politica energetica, QUALE ESSA SIA, dev'essere a livello mondiale o, almeno, continentale. Diversamente ne avremo tutti da rimetterci.

In effetti nessuno, privato o stato che sia, dovrebbe avere il diritto di istallare centrali ed altro che, in caso di incidente, può provocare danni enormi anche ad altre nazioni soprattutto se poi è impossibile risarcire i danni oltre a poter durare per migliaia d'anni come nel caso dell'attuale nucleare.
Eroe Inserito il - 20/09/2013 : 15:18:37
siman ha scritto:

... pago l'energia elettrica italiana un botto ...

Tenendo conto di quello che paghiamo per la benzina (un po' di petrolio si ne estrae anche da noi)sospetto che se anche producessimo tutta l'energia necessaria in Italia costerebbe lo stesso un botto.
Per quanto riguarda le alternative alle pale eoliche ho letto diversi articoli che riferiscono di ottimi risultati malgrado la ricerca nel settore e in tutte le fonti alternative procede, in sostanza, solo su iniziativa di privati.
quagliozzi Inserito il - 20/09/2013 : 13:52:18
siman ha scritto:

P.S. che esula dal contesto: personalmente son contro il nucleare ma abito "abbastanza e pericolosamente" vicino ad una centrale nucleare francese. Ergo, son contro il nucleare ma ne potrei subire i danni in caso di incidente, pago l'energia elettrica italiana un botto e i francesi più vicini a me (100 km) hanno bollette elettriche irrisorie.
Cacchio che culo che ho!



Non esula dal contesto, anzi. Torniamo al discorso che la politica energetica, quale essa sia, non si può decidere a livello locale. E considerando il raggio d'azione dell'inquinamento che può provocare un incidente nucleare, il livello locale può intendersi il livello "nazionale". La politica energetica, QUALE ESSA SIA, dev'essere a livello mondiale o, almeno, continentale. Diversamente ne avremo tutti da rimetterci.
siman Inserito il - 20/09/2013 : 13:07:29
Visto che mi hai quotato...

Mai parlato di nuove centrali nucleari e per quanto riguarda l'eolico senza pale si è ancora fermi agli studi teorici o comunque in piccolissima scala.
Stesso discorso anche per le pale sommerse nei grandi fiumi (sperando non irrompa l'associazione "salviamo la trota") e idem per le future centrli che sfrutteranno il moto ondoso (anch'esse finora ferme a prototipi che generano troppa poca energia).

Ben venga l'energia pulita ma, ovviamente secondo me, sparare sempre su tutto ciò che il progresso ci ha portato (nuove tecniche mediche, medicinali salva vita, trasporti, comunicazioni, internet ecc ecc) bisognerebbe farlo -ma sempre secondo me- senza usarli.

Vogliamo andare in giro per le piazze a dirlo? D'accordissimo
Vogliamo usare i mezzi che questa "odiosa" tecnologia ci mette a disposizione? Uhmmmm


P.S. che esula dal contesto: personalmente son contro il nucleare ma abito "abbastanza e pericolosamente" vicino ad una centrale nucleare francese. Ergo, son contro il nucleare ma ne potrei subire i danni in caso di incidente, pago l'energia elettrica italiana un botto e i francesi più vicini a me (100 km) hanno bollette elettriche irrisorie.
Cacchio che culo che ho!

Eroe Inserito il - 20/09/2013 : 03:19:06
siman ha scritto:

....
...mentre aspettiamo che vengano scoperte nuove, sicure e non inquinanti tecniche che si fa? Torniamo alle candele e alle navi a vela?

No facciamo qualche centinaio di nuove centrali nucleari cosi riempiamo il pianeta di scorie radioattive e di piccoli e grandi incidenti .. un altro paio come quello giapponese ed il pianeta è bello che fottuto. A proposito in quello giapponese il rischio di "sindrome cinese" resta in agguato visto che, da quello che si legge, e completamente fuori controllo e per ora ci versano acqua, che finisce nell'oceano, per tenerlo a temperatura più bassa possibile.
Per l'energia eolica i mulini a vento sono ormai superati da altri tipi di impianti che usano il vento ma senza pale rotanti e poi se per la ricerca di fonti più pulite o meno rischiose si fosse speso la metà di quello che si è speso per il nucleare a quest'ora saremmo 1000 anni avanti ma la lobby del nucleare era evidentemente più potente.
Parlare di centrali nucleari sicure per me è una stupidaggine perché anche se la tecnologia fosse perfetta (ma un difetto qui e la viene sempre fuori) a condurle sono delle persone e Schettino docet.
siman Inserito il - 19/09/2013 : 15:26:43
Però dobbiamo ammettere una cosa: al progresso non vuole (secondo me giustamente) rinunciare nessuno; c'è bisogno di energia persno per cazzeggiare in questo forum ma i combustibili fossili son in esaurimento o comunque nocivi, le pale eoliche sterminano gli uccellini, i pannelli solari inquinano quando sostituiti e comunque deturpano il paesaggio, senza contare che producono energia elettrica solo durante il giorno e se sufficientemente assolato....
...mentre aspettiamo che vengano scoperte nuove, sicure e non inquinanti tecniche che si fa? Torniamo alle candele e alle navi a vela?
Eroe Inserito il - 19/09/2013 : 14:22:22
Quando il denaro lotta contro la logica e vince questi sono i risultati.

http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=86491&typeb=0&La-VERA-dimensione-del-pericolo-di-Fukushima
Eroe Inserito il - 19/09/2013 : 14:05:46
Di fatto quella nave è un inceneritore ... che sono la scelta più scellerata esistente per ridurre (in quanto non spariscono) la quantità di rifiuti (che diventano ultra tossici) da interrare da qualche parte mentre il resto si trasforma in fumi, micro polveri e nano polveri che entrano in tutti i cicli biologici del pianeta.
siman Inserito il - 18/09/2013 : 14:49:59
Non male come idea; bisogna vedere però se non è inquinante per i fumi derivati dalla combustione dei rifiuti organici e inorganici....
76forever Inserito il - 18/09/2013 : 14:35:35
Eroe ha scritto:

76forever ha scritto:

...
Quanto agli pseudo-ecologisti che ostacolano la costruzione di nuove centrali eoliche "perché rovinano il paesaggio", si meriterebbero di essere piazzati lassù al posto delle pale eoliche.

...

Le pale eoliche, che provocano la morte di molti uccelli anche in via di estinzione, sono ormai superate ed esistono nuovi mezzi per sfruttare la forza del vento senza pale ruotanti. Per il resto ti quoto in toto.
Questa ne è una ma ce ne sono anche altre ...
http://video.corriere.it/energia-eolica-ma-senza-pale/5576e92a-a5e6-11e2-956c-2114dad3bbcc


Ti ringrazio per la solidarietà e per le interessanti riflessioni che proponi. Per la spazzatura mi viene in mente una soluzione che naturalmente in Italia nessuno ha mai applicato (a quanto ne so), e che è stata ideata già decenni or sono in Giappone: una nave che fa la spola fra le varie discariche disseminate lungo le coste nipponiche, e che -per muoversi- utilizza come carburante proprio la spazzatura che carica ad ogni tappa del suo viaggio.
siman Inserito il - 16/09/2013 : 15:01:30

a_fenice ha scritto:
Le lampadine a basso consumo energetico sono costituite da tubi fluorescenti compatti e da un alimentatore contenente un trasformatore elettronico. Quest'ultimo alimenta i tubi con energia elettrica e trasforma corrente continua a bassa frequenza (50 Hz) in corrente alternata a più alta frequenza (da 30 000 a 60 000 Hz). Entrambe le correnti generano campi elettromagnetici dotati di frequenze corrispondenti a quelle delle correnti che li hanno creati. I campi sono generati nelle immediate vicinanze delle lampade e potrebbero creare correnti a bassa o ad alta frequenza all'interno del corpo delle persone vicine. Ovviamente questi campi andrebbero misurati e valutati gli effetti sul corpo umano.
non lo sapevo, ma leggendo i report dei [url=http://www.peimar.it]luci led[/url], a questo problema di dovrebbe ovviare no? indi meno energia sprecata, più luce a disposizione, e meno radiazioni elettromagnetiche. Me lo confermate?



Adesso le luci fluorescenti a basso consumo stanno per essere definitivamente soppiantate da quelle a led che consumano molto meno e danno luce più brillante.
Speriamo non scoprano che sono nocive pure quelle...
Eroe Inserito il - 16/09/2013 : 12:47:30
76forever ha scritto:

...
Quanto agli pseudo-ecologisti che ostacolano la costruzione di nuove centrali eoliche "perché rovinano il paesaggio", si meriterebbero di essere piazzati lassù al posto delle pale eoliche.

...

Le pale eoliche, che provocano la morte di molti uccelli anche in via di estinzione, sono ormai superate ed esistono nuovi mezzi per sfruttare la forza del vento senza pale ruotanti. Per il resto ti quoto in toto.
Questa ne è una ma ce ne sono anche altre ...
http://video.corriere.it/energia-eolica-ma-senza-pale/5576e92a-a5e6-11e2-956c-2114dad3bbcc
Bacticeived Inserito il - 15/09/2013 : 20:58:12
a_fenice ha scritto:

1) ogni cosa che fanno sembra mirata più ad incassare che a alleviare...difficile dare il proprio parere su cose cosi grandi, troppo, credo, per noi.
2)bisognerebbe essere davvero esperti in merito per rispondere anche a questa. E leggendo, ormai da anni, i diversi grandi in merito, ognuno la pensa a modo suo, ognuno mette sul piatto della bilancia previsioni catastrofiche, sia in un senso, sia in un altro. La mia riflessione è: se non trovi due che la raccontano nello stesso modo nemmeno tra chi ci capisce davvero, come possiamo noi poveri mortali esprimerci in merito? possiamo solo augurarci che anche loro tengano alla lora pelle e che facciano per il meglio
3)al di la dell'andare nei paesi stranieri, quello che preoccupa e preme è la paura del nucleare, dai reattori alle sue scorie.
Per i reattori ancora ho in mente i giorni dopo il 25 aprile dell'86, alla fuga di radioattività di Chernobyl, 2440 km da Roma, e tutta l'Europa infestata dalle radiazioni provocate dal disastro nucleare dovuto all'incompetenza di alcuni signori dei bottini. Se guardo questo, non mi preoccupo di certo di una centrale in più o in meno, visto che ne siamo già contornati da decine e decine. Il pericolo è già attivo. Fare ferie vicino ad una centrale è il minore dei problemi.
Per le scorie, si che invece è un problema, visto che ancora non sembrano aver torvato soluzioni definitive, visto che sulla luna ancora non siamo capaci di spedirle.......e se non per noi, di certo per i nostri figli, non gli lasciamo di sicuro una buona eredità.

Ma è anche vero che negli ultimi 100 anni, grazie all'uso indiscriminato del petrolio, abbiamo già parzialmente distrutto il nostro pianeta. Le stagioni non ci sono più, ormai abbiamo un clima tropicale. Estati infernali e inverni assurdi sono ormai la norma. Il tempo assurdo, al di la delle assicurazioni dei meteorogi, è sotto i nostri occhi. L'atmosfera che è diventanta ormai una cloaca a cielo aperto, è nel naso di tutti. Le allergie diventano ogni giorno più imperanti. Il buco nell'ozono è una realtà. Chi da la colpa a questo o a quell'altro, di certo colpa delle cose moderne e del niente riciclaggio effettuato in tutti questi anni. E potrei proseguire all'infinito o quasi. Energie alternative? Magari. Chi dice che funzionano chi dice di no. Chi brontola perchè sciupano un paesaggio (chi se lo potrà godere quando saremo tutti morti?), chi auspica l'uso di pannelli solari fotovoltaici, ma i governi invece di favorirli, ti ci tartassano sopra tasse su tasse, perchè se i nostri tetti non sono rosso fuoco non è esteticamente bello. Cerchiamo di fare trasporti più veloci e meno inquinanti, ma sai, se una vallata alpina ha un viadotto, poi si sciupa la vista. Meglio farla morire sotto i gas di scarico di migliaia di tir ogni giorno al posto di un solo treno. Vogliono fare un ponte forse assurdo, ma che eviterebbe migliaia di tonnellate di gasolio consumato dai mercantili...no, meglio di no, poi la mafia come farebbe a taglieggiare tutto quel traffico? L'illuminazione a [url=http://www.peimar.it]lampadine led[/url] ci darebbe più luce e ci illumina tutta casa con la potenza di una sola pila? No no, meglio togliere di mezzo solo le lampadine da 100 watt, tutto il resto, chissene...Di certo il problema non è semplice, gli aspetti sono tantissimi. Non è solo il nucleare, è tutto un insieme di cose che andrebbero cambiate, prima di tutto da noi stessi,con tantissime brutte abitudini che con poco potremmo cambiare per contribuire al miglioramento generale

Penso che qui è qualche consiglio per lo stile di vita. ogni passo della nostra vita dobbiamo imparare qualche Tjing. siamo in grado di guadagnare un po 'di esperienza che è più efficace di andare avanti e possiamo Thinka attacco noi stessi. che è molto importante per la nostra carriera.
76forever Inserito il - 02/09/2013 : 15:41:07
Per come io vedo le cose, il VERO naturismo non può prescindere da una sana coscienza ecologica. In altre parole, il naturismo ha un senso solo se inquadrato in una più ampia visione globale di salvaguardia della natura (ossia del contesto di cui -volenti o nolenti- noi, insieme ai nostri genitori, ai nostri avi, ai nostri figli, ai nostri nipoti e comunque a tutte le generazioni future e passate siamo stati, siamo e saremo parte, e che quindi abbiamo interesse a preservare nel migliore dei modi, dato che non ci sono altri mondi abitabili alla nostra portata).

Non ha alcun senso dire: "Non mi metto il costume perché così mi trovo in sintonia con la natura" se poi si usa l'automobile anche per andare a comprare il giornale all'edicola che si trova a 200 metri da casa. E, a proposito di giornali, non avete idea di quanto mi urti il fatto di vedere che quella deficiente della mia collega -invece di buttarli nella raccolta differenziata della carta che si trova a 50 metri dal suo grasso sedere-, li infila nel sacchetto dell'immondizia insieme a tutto il resto (bottigliette di plastica e/o di vetro e così via). Si meriterebbe di finire sommersa dai rifiuti (come già succede in alcune città italiane). Tra l'altro, non capisce neanche che -a causa delle normative europee- aumentare il volume della raccolta differenziata permetterebbe a tutti noi (e quindi anche a lei) di pagare tasse assai minori sulla spazzatura. Poi si va a lamentare che ha pochi soldi in tasca (e non l'ho mai vista salire su un bus o su un treno o su una bicicletta, ci mancherebbe! Correrebbe il rischio di dimagrire, oltre che di risparmiare! Molto meglio andare in macchina!).

Quanto agli pseudo-ecologisti che ostacolano la costruzione di nuove centrali eoliche "perché rovinano il paesaggio", si meriterebbero di essere piazzati lassù al posto delle pale eoliche.

Per quanto riguarda la costruzione di nuove centrali nucleari in territorio italiano (pericolo per ora scongiurato, fortunatamente), sapete dove avevano intenzione di costruire la prima? Nelle vicinanze delle coste dell'Ogliastra (Sardegna centro-orientale), dove sopravvivono molte specie animali in via d'estinzione e oramai presenti solo lì (come la foca monaca)! Geniale, non trovate?
RicardoWinegar Inserito il - 01/09/2013 : 22:05:46
a_fenice ha scritto:
Le lampadine a basso consumo energetico sono costituite da tubi fluorescenti compatti e da un alimentatore contenente un trasformatore elettronico. Quest'ultimo alimenta i tubi con energia elettrica e trasforma corrente continua a bassa frequenza (50 Hz) in corrente alternata a più alta frequenza (da 30 000 a 60 000 Hz). Entrambe le correnti generano campi elettromagnetici dotati di frequenze corrispondenti a quelle delle correnti che li hanno creati. I campi sono generati nelle immediate vicinanze delle lampade e potrebbero creare correnti a bassa o ad alta frequenza all'interno del corpo delle persone vicine. Ovviamente questi campi andrebbero misurati e valutati gli effetti sul corpo umano.
non lo sapevo, ma leggendo i report dei [url=http://www.peimar.it]luci led[/url], a questo problema di dovrebbe ovviare no? indi meno energia sprecata, più luce a disposizione, e meno radiazioni elettromagnetiche. Me lo confermate?

Mi dispiace ma non ho potuto undertand cosa su base annua esattamente voleva significare :-(
Eroe Inserito il - 04/05/2013 : 03:21:17
Da leggere .. se quanto scritto è vero ci stanno avvelenando in piena coscienza.
http://www.dailygreen.it/focus/item/353-monsanto-l-eugenetica-e-le-conseguenze-per-l-uomo
paolopria Inserito il - 03/05/2013 : 22:51:58
Fede ha scritto:


In questo momento mi sto adoperando per la formazione di un gruppo di acquisto solidale.



O.K. come ho letto da qualche parte su questo forum, il cambiamento parte da noi stessi, prima dentro e poi con le nostre scelte di tutti i giorni. Penso che questa sia la strada giusta...

Forum de iNudisti © 2006 / 2020 iNudisti Torna all'inizio della Pagina
Snitz Forums 2000