Header image
La più grande community Nudista d'Italia!
Forum de iNudisti - Riflessioni naturiste sul Vangelo
Forum de iNudisti

Forum de iNudisti
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Racconti e Opinioni
 Aspetti e problemi del naturismo e del nudismo
 Riflessioni naturiste sul Vangelo
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 20

ariete47
iNudistnovello


Regione: Lombardia
Prov.: Milano
Città: milano


7 Messaggi

Inserito il - 19/06/2010 : 21:39:24  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
di_lo_68 ha scritto:

hola a todos....riteniamo che qs. sito, dati i temi dibattuti giustamente leggeri e disimpegnati, non sia il contesto piu' consono per dibattere del Vangelo che ha sicuramente altri ambiti dove essere approfondito e commentato.
Sacro e non Sacro non devono essere confusi od equiparati.
buona giornata a todos.
non capisco questo tuo parlare,perchè non si puo affrontare in questo sito questa problematica,credoche sia un sito laico dove ognuno possa dire quello che pensa

sonoio
Torna all'inizio della Pagina

giannige
iNudistaffezionato


Regione: Liguria
Prov.: Genova
Città: genova


438 Messaggi

Inserito il - 21/06/2010 : 10:24:15  Mostra Profilo Invia a giannige un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scusate, ma solo ora ho scoperto questo argomento nel forum, e mi interessa moltissimo, in quanto credente, cattolico e praticante. Ma molto più perché vivo il mio naturismo non “nonostante” il cristianesimo, ma piuttosto come un modo per viverlo meglio. Mi spiego. Tanti vedono il naturismo come contatto con la natura, e tanti motivi simili che, per quanto condivisibili, non sento come miei. Il mio vero motivo che mi ha spinto alla pratica del naturismo è il controllo delle pulsioni sessuali (e qui si va forse un po’ nell’ intimo, nel recondito, e di questo chiedo scusa). Prima che scoprissi il naturismo avevo difficoltà estreme a gestire pulsioni generate da immagini, situazioni, allusioni che conducessero al nudo. Per esempio, se mi avessero avanzato l’ipotesi di trovarmi nudo con una donna nuda, soli nel bosco, mi avrebbe scatenato fantasie… ecc. Be’, dopo che sono diventato naturista, questa situazione è successa molte volte, e non ha provocato niente. Perciò quello che prima era un ostacolo a vivere in conformità di ciò che è l’etica cristiana (e, se vogliamo, non solo cristiana), col naturismo è stato completamente superato.
Per questo credo che la conoscenza del naturismo (anche nel senso che do io alla parola: ”sentire la nudità come cosa naturale”), vada divulgato al massimo nel mondo cattolico, perché noto, nei dialoghi che mi capita di sentire, una grande confusione di idee, una grande erroneità nel vedere una dicotomia tra naturismo e fede. Molte volte sento infatti discorsi del tipo: “In Italia il naturismo non attecchirà mai perché c’è il Vaticano”, o concetti del genere, anche se sappiamo che la Chiesa ufficiale non ha mai preso posizione contro il naturismo, se non contro quelle forme deleterie, che anche i naturisti rifiutano (guardoni, esibizionisti, scambisti, ecc.).
Però ultimamente ho notato una cosa: il nudo in Italia è accettato solo se commercializzato, o associato ad una commercializzazione: nella pubblicità (se voglio vendere un’auto, basta che ci metto una donna nuda nella pubblicità, e vedi come aumentano le vendite), negli spettacoli (fa aumentare la audience, e con essa gli introiti pubblicitari), nell’editoria (se in una copertina c’è una donna nuda, la rivista “tira”). Insomma, il dio denaro rende lecito tutto, mentre una nudità “pulita” (anche da interessi e denaro), non lo sarà mai perché su questa nessuno ci può guadagnare sopra. Anche la Legge, col suo art. 726 C.P. si guarda bene ad intervenire dove ci sono in ballo soldi e affari, ma si accanisce su una ciclonudista con nudi senza sponsorizzazioni. Comunque ora sto andando OT, perché sto buttando giù come mi vengono le cose, ma avrei tante cose da dire: mi riservo di intervenire con post futuri. Ciao a tutti


Modificato da - giannige in data 24/06/2010 10:10:20
Torna all'inizio della Pagina

a_fenice
iNudisti Staff - Amministratore a_fenice@inudisti.

nuovo


Regione: Umbria
Prov.: Perugia
Città: città di castello


20557 Messaggi

Inserito il - 21/06/2010 : 12:19:25  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di a_fenice Invia a a_fenice un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
OT, se posso....è stato un piacere leggere queste riflessioni......era ora....FINE OT

Max Pg- http://www.inudisti.it/it/amici/amico.aspx?id2=990

Libero Pensatore - Stay hungry, stay foolish - Casa mia e cosa ci puoi trovare http://villafenice.blogspot.it
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 21/06/2010 : 12:49:51  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
a_fenice ha scritto:

OT, se posso....è stato un piacere leggere queste riflessioni......era ora....FINE OT

Max e lo dici a me?...un piacere immenso.Grazie giannige per il tuo pensiero....sono secoli che mi batto nel dire che il naturismo centra con la fede eccome se centra.Grazie

operaio del nudismo
Socio ANITA

Modificato da - n/a in data 21/06/2010 14:29:31
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 21/06/2010 : 14:53:59  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scusate,ma non posso dopo questa riflessione dell'amico giannige non dire quello che provo e lo vorrei dire a cuore aperto.
Sono felice e ho tanta gioia nel sentire queste cose.Perchè?Io cattolico (si dovrebbe dire innamorato del Cristo,con tutta la gioia di chi è innamorato)sono stato fruitore di un dono che è il naturismo o se volete la nudità vissuta in modo evangelico ben sapendo che Gesù,naturista per eccellenza,ha vissuto ciò che anche noi proviamo.E' evidente che nel messaggio evangelico la nudità vissuta come Dio fa parte integrante del messaggio di Gesù.La nudità come segno di dono,di accoglienza,di rispetto per se,per la natura e per gli altri diventa un dono di Dio ambito da chiunque voglia incontrare Dio e gli altri.Vedo come anche in questo forum la voglia di Nudità (ho messo la N maiuscola non per caso)sia l'aspirazione di tutti noi e anche dei tessili,perchè no.La nudità come dono appunto,magari ricevuta da altri o gruppi.
La nudità come collante di chi è credente e di chi no,perchè valore universale e valore esistenziale degli uomini.
Allora perchè non gioire,perchè ritenere l'esperienza della nudità solo come personalistica?Non posso vivere questa esperienza da solo,ma proprio dal fatto che è esperienza degli uomini,direi come credente,vocazione o missione,sono gioiosamente "costretto"a viverla e farla conoscere agli altri.
Come si fà a tenere per se questa esperienza di gioia e amore per se,trabocca e si espande verso tutti.
La gioia di essere nudo non riesco a tenerla per me,"per forza" la devo comunicarla a voi.
Ecco l'impegno nelle associazioni o sul forum,sapendo che qui trovo chi sta facendo la stessa esperienza,credente oppure no.
Scusate di questo discorso,magari incomprensibile,ma come ripeto la gioia del dono della nudità non si pùò tenerla nascosta e come un ragazzino la voglio gridarla ai quattro venti.

Vivo la nudità come:

unità e non disgregazione
gioia e non tristezza
dono e non ricchezza
fratellanza e non inimicizia
accoglienza e non rifiuto
comunione e non solitudine
apertura e non bariera
giovinezza e non vecchiaia
stupore e non tutto assodato
novità e non tram tram
cammino e non statico

amore e non odio o indifferenza

trovo il Dio nudo che mi attende nudo davanti a se per un'amicizia che aspetta da tempo prima che i vestiti fossero inventati.





operaio del nudismo
Socio ANITA

Modificato da - n/a in data 21/06/2010 15:38:14
Torna all'inizio della Pagina

giannige
iNudistaffezionato


Regione: Liguria
Prov.: Genova
Città: genova


438 Messaggi

Inserito il - 22/06/2010 : 00:58:44  Mostra Profilo Invia a giannige un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scusate, ma sono rimasto un po’ sorpreso ad essere accolto con tutto questo entusiasmo. Sono entrato in punta di piedi, chiedendo scusa di aver intavolato argomenti e aspetti un po’ intimi, perché avevo paura che si ripetesse quello che mi è successo quando avevo provato a confidarmi con qualcuno del modo sbagliato che avevo di vedere il nudo prima della scoperta del naturismo. Non l’avessi mai fatto! Mi hanno tacciato di violenze, uno mi ha detto che si è sentito violentato, altri non mi contattano più, senza neanche avere il coraggio di dirmi il perché… Alla base di tutto, però mi sembra che ci siano tre elementi di differenza: 1- l’intelligenza degli interlocutori, che, in questo forum, riescono a capire e a immedesimarsi in una mentalità di un non naturista quale ero io (gli errori che facevo io erano gli stessi che fanno il 90% dei non naturisti, bersagliati dai messaggi devianti che la società associa al nudo); 2- la malafede di cerca in ogni cosa di diverso il pretesto per rifiutarti, se vedono che non la pensi esattamente come loro; 3- (e qui rientro nello stretto argomento del forum) l’usare la tua fede come pretesto per rifiutarti, perché il cristiano ha quasi la vocazione di essere scomodo. Se infatti dico che il nocciolo del naturismo è la dissociazione nudo-sesso, vengo considerato puritano, un reazionario, da chi invece vede nel “sesso libero” un valore, di chi vede nella fede un inibitore della libertà sessuale. Scusate, vorrei proseguire, ma un po’ vi annoierei, e un po’ ho troppo sonno quindi “a rileggerci”. Buona notte

Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 23/06/2010 : 21:04:26  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Riflessione su Matteo 6,25-34

Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito? 26Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro? 27E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un'ora sola alla sua vita? 28E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. 29Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. 30Ora se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede? 31Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo? 32Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno. 33Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. 34Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena.

E' una delle pagine che io sono innamorato.Vorrei farvi notare alcune cose.Gesù rende relativo il vestito:serve solo perchè si ha freddo ed il vestito non fa il monaco secondo la mentalità che chi più meglio appare ed ha e più è.
Il corpo è più del vestito (corpo(carne direbbero) per gli ebrei non è solo quello che intendiamo noi,ma anche spirito,cioè persona umana.
Quello che piace di più è il paragone con l'erba ed i gigli (fiori che non sono come li abbiamo noi,ma semplicemente fiori di campo abbastanza mediocri come bellezza paragonati ad altri fiori).
Ora se Dio veste l'erba e i gigli del campo (cioè il vestito è la loro nudità e paragonato a Salomone diventa il vestito più bello),allora il nostro vestito è la nostra nudità che diventa il nostro vestito più bello e riflette la nostra nudità interiore (corpo per gli ebrei).
Gesù dice che tutti i gigli e l'erba hanno una nudità favolosa,da ricchi e perciò non esiste nudità di serie b o a.Come l'erba o gigli che sono tutti diversi tra loro così la nudità è diversa nelle sue molteplici ricchezze (e parlo di tutto l'uomo come direbbe Paolo).Ogni nudità è ricchezza e riflette la ricchezza dell'uomo.
Se io capissi solo questo insegnamento quanti problemi di incomprensione e tristezza volerebbero via?
Allora la nudità è dove vive lo Spirito,la casa di Dio.Ciao

operaio del nudismo
Socio ANITA
Torna all'inizio della Pagina

giannige
iNudistaffezionato


Regione: Liguria
Prov.: Genova
Città: genova


438 Messaggi

Inserito il - 24/06/2010 : 12:05:02  Mostra Profilo Invia a giannige un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Vorrei proporre ora un quesito che ho posto altre volte in altri forum, ma senza avere risposte. C’è qualcuno che sa di qualche prete naturista, o di qualche incontro di fede, liturgico o di preghiera, o comunque legato alla fede, che venga svolto in nudità, cioè per naturisti credenti? A volte, non trovando risposte, mi è venuto il dubbio che sia una richiesta blasfema. Ma visto come vivo io il naturismo, e da quanto vedo in questo forum (almeno sotto questo argomento), non solo io, mi pare che non debba essere una cosa troppo assurda. Anzi la ritengo importante, per esempio, per dare anche in ambiente ecclesiastico (o para-ecclesiastico) l’idea che il naturismo non entra affatto in conflitto con la fede, anzi. Mi sembrerebbe interessante proporre a livello locale (per me a Genova, per altri nelle varie località) un incontro tra i vari naturisti credenti, e vedere cosa è più opportuno organizzare e in che forma. Che ne dite?

Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 24/06/2010 : 12:46:15  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
giannige ha scritto:

Vorrei proporre ora un quesito che ho posto altre volte in altri forum, ma senza avere risposte. C’è qualcuno che sa di qualche prete naturista, o di qualche incontro di fede, liturgico o di preghiera, o comunque legato alla fede, che venga svolto in nudità, cioè per naturisti credenti? A volte, non trovando risposte, mi è venuto il dubbio che sia una richiesta blasfema. Ma visto come vivo io il naturismo, e da quanto vedo in questo forum (almeno sotto questo argomento), non solo io, mi pare che non debba essere una cosa troppo assurda. Anzi la ritengo importante, per esempio, per dare anche in ambiente ecclesiastico (o para-ecclesiastico) l’idea che il naturismo non entra affatto in conflitto con la fede, anzi. Mi sembrerebbe interessante proporre a livello locale (per me a Genova, per altri nelle varie località) un incontro tra i vari naturisti credenti, e vedere cosa è più opportuno organizzare e in che forma. Che ne dite?

Mi aspettavo da te questa domanda
A Castelsalus ho organizzato una messa naturista con un mio amico sacerdote,è un po lontano da te però.
Personalmente ho fatto alcuni esercizi spirituali con dei giovani dove nel deserto vivevano la nudità con in mano la bibbia.Ho amici sacerdoti che condividono quello che spesso scrivo qui e qualcuno con mè ha vissuto la nudità come momento di preghiera.
Son ben lontano a creare gruppi di naturisti credenti perchè sarebbe dei doppioni,ma dobbiamo vivere all'interno dei gruppi e associazioni dove creare in libertà e rispetto anche dei non credenti momenti di preghiera e approfondimento evangelico.Non un movimento parallelo,ma vivere dentro i nostri gruppi proponendo questi ideali trovando spazi per i cristiani.Ciao

operaio del nudismo
Socio ANITA
Torna all'inizio della Pagina

giannige
iNudistaffezionato


Regione: Liguria
Prov.: Genova
Città: genova


438 Messaggi

Inserito il - 24/06/2010 : 21:53:49  Mostra Profilo Invia a giannige un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
cordom ha scritto:


A Castelsalus ho organizzato una messa naturista con un mio amico sacerdote,è un po lontano da te però.


Scusa, ma non ho trovato Castelsalus, nè su Google Map, nè nel libro dei CAP.

cordom ha scritto:


Son ben lontano a creare gruppi di naturisti credenti perchè sarebbe dei doppioni,ma dobbiamo vivere all'interno dei gruppi e associazioni dove creare in libertà e rispetto anche dei non credenti momenti di preghiera e approfondimento evangelico.Non un movimento parallelo,ma vivere dentro i nostri gruppi proponendo questi ideali trovando spazi per i cristiani.Ciao

Contrariamente ai tuoi post precedenti (l'ultimo l'ho salvato, perche era meraviglioso!), in questo non c'ho capito niente: parli di doppioni (rispetto a cosa?); gruppi di preghiera con chi non crede? movimento parallelo? dentro i nostri gruppi (cristiani o naturisti?). puoi ripetere, magari usando altri termini?

Torna all'inizio della Pagina

a_fenice
iNudisti Staff - Amministratore a_fenice@inudisti.

nuovo


Regione: Umbria
Prov.: Perugia
Città: città di castello


20557 Messaggi

Inserito il - 24/06/2010 : 22:50:16  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di a_fenice Invia a a_fenice un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
sta parlando delle normali associazioni, o gruppi di persone che vanno assieme in spiaggia. Proporre insomma modi non alternativi, ma a completamento, per chi ne ha desiderio, per confrontarsi anche su questo, senza necessità di "aprire" nuovi gruppi. Però per me state proponendo due cose diverse. Te gianni indichi un incontro specifico, che di fondo non è male....ma....credo che nel nudismo ancora non ci sia eccessiva frequentazione tale da proporre un gruppo o un'uscita a tema, però come idea non è male affatto.
Crdom dice, di fondo, ok, ma intanto facciamolo nei gruppi che già frequentiamo. Poi se sarà il caso, sempre possibile un'uscita a tema.

Corretto? Io cmq penso che entrambi (anche se non ci ho azzeccato) siano proposte valide.....da valutare

Max Pg- http://www.inudisti.it/it/amici/amico.aspx?id2=990

Libero Pensatore - Stay hungry, stay foolish - Casa mia e cosa ci puoi trovare http://villafenice.blogspot.it
Torna all'inizio della Pagina

giannige
iNudistaffezionato


Regione: Liguria
Prov.: Genova
Città: genova


438 Messaggi

Inserito il - 24/06/2010 : 23:54:54  Mostra Profilo Invia a giannige un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
a_fenice ha scritto:

sta parlando delle normali associazioni, o gruppi di persone che vanno assieme in spiaggia. Proporre insomma modi non alternativi, ma a completamento, per chi ne ha desiderio, per confrontarsi anche su questo, senza necessità di "aprire" nuovi gruppi. ...intanto facciamolo nei gruppi che già frequentiamo. Poi se sarà il caso, sempre possibile un'uscita a tema.

Il fatto è che nei gruppi che frequento appare impossibile far coincidere le due ottiche: in ambiente naturista domina un quasi assoluto ateismo (tanto che da qualcuno sono visto male solo per il fatto che sono credente), in ambiente cattolico domina un preconcetto davanti al quale non ho il coraggio di dire che sono naturista. Per questo sto disperatamente cercando naturisti, credenti e che abitino in zona (o almeno che fequentino le zone che frequento io). Altrimenti credo che sia impossibile muoversi nel senso che spero.
P.S.- Intanto ho trovato Castelsalus: è vicino a Castelfranco Veneto (vero?)


Modificato da - giannige in data 25/06/2010 00:27:47
Torna all'inizio della Pagina

a_fenice
iNudisti Staff - Amministratore a_fenice@inudisti.

nuovo


Regione: Umbria
Prov.: Perugia
Città: città di castello


20557 Messaggi

Inserito il - 25/06/2010 : 00:35:28  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di a_fenice Invia a a_fenice un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
infatt, quello che ti ho detto io. Ci sono molti che hanno questa coincidenza, ma è difficile trovarne, dato che molti di chi lo è, di solito tace. Ma solo qui ce ne sono almeno 5/6 conosciuti...........

Castelsalus...credo di si, ma lascio a cordom, capo di casa, la parola. Io e la geografia..........

Max Pg- http://www.inudisti.it/it/amici/amico.aspx?id2=990

Libero Pensatore - Stay hungry, stay foolish - Casa mia e cosa ci puoi trovare http://villafenice.blogspot.it
Torna all'inizio della Pagina

Biotto
iNudistfedelissimo

Avabiotto


Regione: Lombardia
Prov.: Pavia


1992 Messaggi

Inserito il - 25/06/2010 : 00:57:42  Mostra Profilo Invia a Biotto un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il mio amico Google mi suggerisce che

"Castelsalus si trova a Castello di Godego vicino a Villa Caprera "

"presso il parco del Castelsalus a Castello di Godego (TV), il Club “Senza Frontiere” Club Naturista Veneto..."

Castelsalus Srl
Via Caprera, 43
31030 Castello di Godego TV
0423 469940



Le cose al di fuori della norma non sono alla portata della massa: l'eccellenza non è accessibile ai più.
Meglio aiutare un cieco ad attraversare la strada che lasciare che un non vedente utilizzi le sue differenti abilità.

Modificato da - Biotto in data 25/06/2010 00:58:07
Torna all'inizio della Pagina

giannige
iNudistaffezionato


Regione: Liguria
Prov.: Genova
Città: genova


438 Messaggi

Inserito il - 25/06/2010 : 07:42:18  Mostra Profilo Invia a giannige un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
a_fenice ha scritto:

...Ma solo qui ce ne sono almeno 5/6 conosciuti...

Il fatto è proprio questo: quelli conosciuti sono solo qui, in un forum, in un sito. Quello che cerco io è un rapporto interpersonale, un vederci a tu per tu, uno stare insieme, e non tramite post, messaggi, mail, senza nessun feed-back, senza nessuna contemporaneità (come al limite si può avere con una telefonata...), senza nessun'espersione da vedere in faccia... Il tutto lo trovo estramemente deprimente: l'unico senso che può avere un rapporto via web è l'essere propedeutico ad un incontro personale, vivo, di persona. Cosa che finora mi appare solo come una chimera.

Per Biotto: salutami il tuo amico, e chiedigli scusa se lo visito raramente, ma quando sono sul pc vado sempre di fretta...

Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 25/06/2010 : 07:56:59  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scusate il ritardo ma sto formattando il computer di casa perciò posso scrivere solo a scuola.
Esatto per il discorso di Castelsalus,le indicazioni di Biotto sono precise.
Per esempio a Castelsalus sto organizzando una messa al campo che parteciperanno coloro che vogliono partecipare.I naturisti credenti sono molti basta che conto tutti i messaggi che arrivano a me,è vero che non si espongono,ma bisogna proporre iniziative.Anch'io sto pensando a incontri a tema,ma per il momento è meglio agire all'interno dei già gruppi formati o associazioni.Mi spiego ancora meglio:è sbagliato secondo me pensare ad un'associazione di credenti naturisti,sarebbe ancora una volta una dispersione e non realista.Noi credenti dobbiamo agire,come nella società,all'interno delle associazioni già esistenti e gruppi.Per dirla ina maniera evangelica:dobbiamo essere il seme della terra,testimoniare dove siamo con i naturisti che troviamo ogni giorno,perciò prima di tutto esporsi.
Per esempio con i giovani,appunto,sono riuscito a organizzare dei ritiri spirituali dove vi era la nudità come elemeto nuovo,come attegiamento di fondo per incontrare Dio.
Così la messa che voglio organizzare a Castelsalus sarà un momento particolare di una domenica di ritrovo dei naturisti al campo,tipo le feste che organiziamo noi.Appunto un ritrovo,una festa dove in mezzo ci metto la messa per chi vuole partecipare,come si fa in tutte le feste paesane.
Un'altra cosa che sarebbe il mio sogno,non molto lontano nella realizazione,sarebbe 3 giorni di ritrovo spirituali e di preghiera in completa nudità dove si approfondisce la parola di Dio su questo tema:la nudità come proposta d'amore.
Intanto mi fermo qui.ciao

operaio del nudismo
Socio ANITA
Torna all'inizio della Pagina

ricuzz
iNudistamico


Regione: Piemonte
Prov.: Alessandria


75 Messaggi

Inserito il - 25/06/2010 : 15:01:30  Mostra Profilo Invia a ricuzz un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
cordom ha scritto:

Riflessione su Matteo 6,25-34

Perciò vi dico: [cut]


La potenza di questo brano è incredibile.
Mi fa pensare a quante cose inutili faccio nella vita.
La mia disperazione è essere conscio che non posso (o riesco?) a farne a meno.

At'salùt!
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 30/06/2010 : 09:54:32  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Domenica 4 Luglio

“Dopo questi fatti il Signore designò altri settantadue discepoli e li inviò a due a due avanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è molta, ma gli operai sono pochi. Pregate dunque il padrone della messe perché mandi operai per la sua messe. Andate: ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né bisaccia, né sandali e non salutate nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: Pace a questa casa. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché l'operaio è degno della sua mercede.....

Sembrerebbe una cosa stupida,ma non preghiamo mai ,per chi crede,che Dio ci mandi altri operai magari naturisti? se come credo il naturismo fa parte di un disegno di Dio e perciò missione?
Vi mando come agnelli in mezzo ai lupi...fa riflettere per noi.
Per me fare naturismo-nudismo è una vocazione,si amici miei,un percorso ed un disegno di Dio che ha per me,affinche trovi me stesso ed equivale trovare Lui.Perciò la prima cosa che mi viene in mente è che naturismo è servizio a favore degli uomini e di coloro che lo osteggiano.
Piace molto il passo che invita a non portare niente con se (qui si riferisce al passo comentato da me sui gigli del campo).Ci invita ad essere nudi perchè solo così dipendiamo tutto da Dio e dagli altri e sappiamo che mai Gesù ci abbandona.
Allora per prima cosa è l'annuncio,non nascondersi,portare alla gente il messaggio che il naturismo è cosa buona,segno di condivisione con gli altri e segno di un rapporto speciale con Dio,con gli altri e con la natura.
E alla fine il naturismo è pace e questo deve essere il suo frutto,il principale.
Perciò ragazzi ed insisto la gioia di essere naturisti in Dio deve sprigionarsi da tutti i nostri pori.
Ciao e Buona domenica

operaio del nudismo
Socio ANITA

Modificato da - n/a in data 30/06/2010 10:05:32
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 04/07/2010 : 20:09:26  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Vi voglio mettere una bricciola di colloquio che ho con un sacerdote che stimo.No metto tutto ovvio,ma quello che secondo me è importante e cioè che qualcosa si stà muovendo anche religiosamente.

Domenico:"....Spero che anche tu possa venire a trovarmi e celebrare la messa tra noi naturisti,sarebbe un bel regalo.Sopratutto è la voglia di farti conoscere questo mondo da tanti giudicato immorale,ma basta che segui un po quello che scrivo sui forum è si respira un'altra aria.Molti cristiani mi scrivono appunto per trovare conforto sulla evangelità anche di questa scelta e io cerco di aiutarli.Il mio gruppo e sopratutto la mia famiglia ti aspetta..."

sacerdote:"... Il mondo del naturismo cosi come lo testimoni non è affatto immorale ma anzi ci richiama quell'essenzialità evangelica che fa del cuore il proprio motore esistenziale e sa in questo trovare il respiro della natura come alveo di testimonianza e di fraternità, per questo ti seguo con attenzione e spero di poter presto incontrarci e vederci, e anche venirvi a trovare di certo, ti scrivo presto altre mie considerazioni e sempre benedico la tua famiglia ....."

Alla fine la messa "naturista"al campo credo che ci sarà.

operaio del nudismo
Socio ANITA
Torna all'inizio della Pagina

giannige
iNudistaffezionato


Regione: Liguria
Prov.: Genova
Città: genova


438 Messaggi

Inserito il - 04/07/2010 : 20:37:44  Mostra Profilo Invia a giannige un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
cordom ha scritto:

Alla fine la messa "naturista"al campo credo che ci sarà.



Wow!, quello che ho sempre sognato! Mi raccomando, quando ci sarà fammelo sapere!

Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 20/07/2010 : 08:52:08  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Domenica 25 luglio
Viene proposto la preghiera del Padre Nostro,la preghiera per eccellenza anche per la sua novità in rapporto alle preghiere del tempo.Qui ci viene proposta la versione di Luca,la più corta,ma la più autentica.Nessuno in quel tempo avrebbe mai osato chiamare Dio Padre.Anzi nella versione aramaica:abbà=padre ,ma meglio ancora papà o babbuccio.E' un termine estremamente confidenziale che si ha solo nell'intimità domestica tra genitore e figlio,quando il figlio,bisognoso di coccole chiama il suo papà.
Ragazzi questo è il nostro Dio:il babbuccio che con tenerezza ci tiene in braccio e ci coccola,non il Dio capo,ente supremo...il Dio lontano,ma anche Lui "bisognoso"di rapporti intimi con noi.
E poi anche noi bisognosi di rapporti estremamente confidenziali ed intimi con chi incontriamo anche in questo viaggio tra amici naturisti e la nudità interiore ed esteriore e un potente mezzo per questi incontri significativi.

operaio del nudismo
Socio ANITA
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 01/09/2010 : 22:34:17  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Domenica 5 settembre dal vangelo secondo Luca

“Siccome molta gente andava con lui, egli si voltò e disse: «Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo.

Si è già capito che odiare significa semplicemente mettere al primo posto Lui e tutto il resto viene dopo anzi il dopo trova più significato.
Però quello che mi interessa maggiormente è questo.Il seguire Gesù è come innamorarsi,si segue una persona perchè innamorati,il resto viene dopo.Non siamo cristiani perchè abbiamo fede,seguiamo il vangelo,seguiamo la chiesa o il magistero,i papi,e preti o l'ideologia cristiana.Siamo cristiani perchè innamorati di una persona,la vogliamo seguire,scoprire e fare come lei.E' la stessa cosa quando siamo innamorati della nostra compagna o compagno:senza,il mondo non ha senso,con lei il mondo ha un significato.Esatto sono le stesse dinamiche dell'amore e del dono.
Perciò essere cristiani è la cosa più esistenziale che ci sia e concreta che ci sia:la nostra è soltanto la realizazione nostra come uomini.
Tutto il resto è conseguenza.Ciao

operaio del nudismo
Socio ANITA
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 03/09/2010 : 12:53:41  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Molti mi chiedono perchè parlare di vangelo su un sito che parla di nudità.

Riporto un pezzo dell'intervento mio su Famiglia Cristiana che forse può chiarire:

"Come cattolico la nudità, non come valore assoluto, ma come mezzo, diventa possibilità di incontri veri. La frase che sempre ripeto a me stesso è la seguente: sono nudo di fronte agli altri ( parlo prima di tutto di quella nudità interiore ,prima che esteriore ) pronto ad accogliere e donare,nudo di fronte a Te o Dio, non ho nulla e dipendo tutto da Te per essere sì rivestito se non dal tuo amore. In vari siti specializzati su naturismo-nudismo parlo spesso di Bibbia e fede. Perchè? Non è perché sulla Bibbia troviamo in bella vista il permesso di spogliarci, ma possiamo trovare quelle motivazioni, le stesse di ogni credente, per cui la nudità può diventare veicolo per donarci più agli altri. Molti mi chiedono,e sono tanti, che per la loro fede cattolica hanno timore o remore sulla nudità balenando che la nudità in comune sia immorale e per questo cerco di rispondere caso per caso come nell’articolo è stato messo bene in evidenza. Ho qualche sacerdote che mi aiuta per non scrivere baggianate. Io mi ritengo fortunato ad avere anche in famiglia e con le due mie figlie ottimi rapporti in cui la confidenza e rispetto reciproco non sono mai venuti meno, forse anche,e non solo, aiutati da questo stile di vita. Forse la Chiesa si dovrebbe adoperare di più nel divulgare, come in questo articolo, il sano concetto e valore di corpo e quindi di nudità.Penso anche che si dovrebbe incominciare a parlare di una pastorale per naturisti in modo da non sentirci spesso soli e denigrati."

Penso che commentando il vangelo (a volte ot dal tema specifico sul naturismo,e questo lo ammetto)posso venire incontro a quei cristiani "tiepidi"o con timori per far si che la nudità la vedano bella non solo sotto l'aspetto umano,ma che si accorgano,anche in un contesto da credenti(veri credenti,ed ecco qui i commenti al vangelo per far si che approfondiscano la loro fede)vedano la nudità anche in senso religioso come mezzo di relazione con gli altri.
Per es. nell'ultimo mio commento ,se uno legge sotto le righe,la nostra fede è un incontro,una relazione personale con Dio.E nelle realzioni di amore non c'è spazio per la nudità?.in tutti i sensi?Io cristiano nel relazionarmi con gli altri posso vedere la nudità per incontri più veri,attraverso la nudità posso trovare persone,instaurare rapporti sinceri e poerchè no attraverso la nudità amare più gli altri.Ma la cosa principale è che per primo attraverso il vangelo e l'incontro con Dio (per chi crede naturalmente)possa approfondire la fede ed il mio rapporto con Dio affinchè possa diventare più cristiano e di conseguenza vedere la nudità con volto nuovo,esperienza positiva dell'uomo ed esperienza di cristiano.In fondo più siamo uomini e più siamo divini nel senso che Gesù non ci insegna a diventare dei,ma diventare sempre più uomini,veri uomini..tutto qui.
spero di aver risposto in qualche modo,ma sempre disponibile al confronto.
Sapete benissimo inoltre che non mi fermo solo a commentare il vangelo nel mio impegno nel naturismo..questo è solo un aspetto perchè ho visto la necessità di molti che mi scrivono in privato dei loro problemi fede-nudità-chiesa a cui cerco dare risposte,senz'altro non esaustive e complete.Spesso mi scrivono quando arriva un altro commento e allora mi adeguo.Ma la mia vera vocazione è lavorare per il naturismo,in senso pratico ed è quello che sto cercando di fare come capomastro.

operaio del nudismo
Socio ANITA
Torna all'inizio della Pagina

fabioxxxx
iNudistamico



59 Messaggi

Inserito il - 03/09/2010 : 15:52:44  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Un gruppo non sono mai riuscito a organizzarlo, però sulla spiaggia di Chiavari ci sono diversi naturisti che frequentano le parrocchie locali. Uno di loro sono io.

In un primo tempo sulla spiaggia ci mettevamo in posti diversi e cercavamo ciascuno di non farci vedere dagli altri, alcuni anni fa sono stato io a rompere gli indugi e a mettermi, nudo, a girare la spiaggia salutando cordialmente esattamente come avrei fatto incontrandoli vestiti per strada o in chiesa.

La Messa naturista mi piacerebbe davvero... chissà che un giorno non ci si riesca!!!
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 03/09/2010 : 17:54:25  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
fabioxxxx ha scritto:

Un gruppo non sono mai riuscito a organizzarlo, però sulla spiaggia di Chiavari ci sono diversi naturisti che frequentano le parrocchie locali. Uno di loro sono io.

In un primo tempo sulla spiaggia ci mettevamo in posti diversi e cercavamo ciascuno di non farci vedere dagli altri, alcuni anni fa sono stato io a rompere gli indugi e a mettermi, nudo, a girare la spiaggia salutando cordialmente esattamente come avrei fatto incontrandoli vestiti per strada o in chiesa.

La Messa naturista mi piacerebbe davvero... chissà che un giorno non ci si riesca!!!



Ci riusciremo,ci riusciremo vedrai..

operaio del nudismo
Socio ANITA

Modificato da - n/a in data 03/09/2010 17:55:37
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 06/09/2010 : 14:15:18  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
fabioxxxx ha scritto:

Un gruppo non sono mai riuscito a organizzarlo, però sulla spiaggia di Chiavari ci sono diversi naturisti che frequentano le parrocchie locali. Uno di loro sono io.

In un primo tempo sulla spiaggia ci mettevamo in posti diversi e cercavamo ciascuno di non farci vedere dagli altri, alcuni anni fa sono stato io a rompere gli indugi e a mettermi, nudo, a girare la spiaggia salutando cordialmente esattamente come avrei fatto incontrandoli vestiti per strada o in chiesa.

La Messa naturista mi piacerebbe davvero... chissà che un giorno non ci si riesca!!!


La messa naturista ci sarà a breve.Naturalmente per noi cristiani un fatto normale ma per i giornali uno scoup,che se avvenisse non ci garba e neanche le sue strumentalizazioni fatte solo per vendere più giornali o un scoup tipo da tabloid.
Appena possibile renderò noto soltanto che ho la data in mano per questo evento.
La cosa avverrà così:io solo so la data e a chi interessa mi contatti personalmente.La data non sarà pubblica,non perchè c'è qualcosa da nascondere,ma non voglio che in una messa ci siano più giornalisti che credenti.Poi renderò a cose fatte pubblico un report.
Spero che mi capiate per questa schelta.

operaio del nudismo
Socio ANITA

Modificato da - n/a in data 06/09/2010 14:17:37
Torna all'inizio della Pagina

fabioxxxx
iNudistamico



59 Messaggi

Inserito il - 09/09/2010 : 15:24:25  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ti capisco benissimo. Siamo piuttosto lontani, ma se mi fosse possibile sarò lieto di esserci anch'io. Ovviamente nudo,se non sarebbe naturismo!
Torna all'inizio della Pagina

Biotto
iNudistfedelissimo

Avabiotto


Regione: Lombardia
Prov.: Pavia


1992 Messaggi

Inserito il - 21/09/2010 : 03:04:18  Mostra Profilo Invia a Biotto un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

OT


Avevo raggiunto i 666 messaggi e questo mi sembrava il topic adatto per lasciarmi alle spalle il numero dell'anticristo...





Le cose al di fuori della norma non sono alla portata della massa: l'eccellenza non è accessibile ai più.
Meglio aiutare un cieco ad attraversare la strada che lasciare che un non vedente utilizzi le sue differenti abilità.

Modificato da - Biotto in data 21/09/2010 03:05:40
Torna all'inizio della Pagina

lucabrandani1
iNudistfedelissimo

il grano

Città: Firenze


1315 Messaggi

Inserito il - 21/09/2010 : 05:43:15  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di lucabrandani1  Rispondi Quotando


Questa si che è tanta roba

Squaqquere
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted

mare

Prov.: Vicenza


3136 Messaggi

Inserito il - 22/09/2010 : 19:51:28  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Vi voglio segnalare questo articolo di infonaturista partendo da uno stimolo che mi è venuto dal caro arturo bandini che lo ha notato nel suo forum.


N° 47 - ( Luglio - Settembre )

Il preservativo e il costume da bagno

In occasione del viaggio del Papa in Africa e delle dichiarazioni sul preservativo da lui fatte ai giornalisti sull’aereo che lo portava a Yaoundé, anch’io sono rimasto colpito e meravigliato dalle ripercussioni mediatiche che le parole del Pontefice avevano suscitato in determinati ambienti, soprattutto nel Parlamento belga.

Avevo compreso subito che il massimo organo della Chiesa doveva innanzitutto tener conto dell’aspetto etico della questione e secondariamente degli aspetti ontologici, da taluni rilevati, me compreso, nonché dagli aspetti funzionali, estetici e pur anche erotici relativi a questo delicato problema. Come naturista avevo compreso che l’organo sessuale maschile non poteva essere “rivestito” proprio in quella parte che è la più “nudistica” delle funzioni umane. La reazione più feroce contro il Papa è venuta dal Parlamento belga che si è arrogato la vana pretesa di annientare le parole e il pensiero del Pontefice.

A distanza di tempo si potrebbe dire che i deputati belgi abbiano commesso una “gaffe”, senza neppure tener conto delle convenienze diplomatiche, dato che la persona da loro “incriminata” non era uno sprovveduto qualsiasi, ma un grande filosofo e teologo che regge la massima istituzione mondiale della spiritualità umana, erede inoltre di una cultura plurimillenaria e di una civiltà umana che ha scavato in tutti i meandri del pensiero. Due belgi di vera cultura si sono incaricati di riscattare la loro classe politica oppressa da un secolarismo ottuso e da un materialismo avulso da un’intelligenza aperta ai valori dello spirito. Si tratta dello psicoanalista Jacques Janssens e del professore di Filosofia Xavier Dijon dell’Università di Namur.

Quest’ultimo, pur ammettendo che una interpretazione psicoanalitica, quindi fondata sull’analisi delle pulsioni dell’inconscio, può non essere necessariamente irrefutabile, esprime la realtà del fatto: “Si deve evitare una interpretazione di un testo che renderebbe insensato il suo autore”. Il che tradotto in parole povere, recita: “Non prendete per sciocco chi non conoscete”.
Il discorso profondo e convincente che i due psicoanalisti hanno fatto è semplice: l’Occidente, e per esso il Parlamento belga, ha dimenticato la legge naturale, la fedeltà coniugale (che è la migliore condizione naturale per evitare qualsiasi contagio), l’ideale dell’amore che dovrebbe stare alla base dei rapporti umani; ha dimenticato senz’altro l’etica, che è naturale prima che cristiana, e l’ha sostituita con la cosiddetta libertà sessuale che verrebbe garantita e protetta dai ritrovati della scienza: appunto, anche dal preservativo che rende inutile e obsoleto l’amore fedele, vero e ideale. Questo però non viene cancellato dall’esercizio della libertà sessuale, bensì soltanto relegato nelle latebre dell’inconscio, vanamente sepolto nelle zone più profonde del Super-Io.

Le parole del Papa hanno suonato come un rimprovero, venuto dalla più alta Cattedra, che hanno fatto palesare una preoccupante leggerezza e ignoranza da parte dell’attuale classe politica dirigente. Le parole del Papa hanno risvegliato il “Senso di Colpa” in gente disabituata a leggere nel profondo della propria anima, gente che occupa alti posti e che con la loro consueta disinvoltura e il loro colpevole pragmatismo credono di avere risolto, con soluzioni contrarie alla natura umana, certe questioni vitali dell’esistenza. Analogie si possono vedere con il costume da bagno il quale, sotto un accidentale pezzo di stoffa, invano cerca di nascondere organi che, in persone tabuizzate o, per contro, di mentalità cosiddetta “aperta”, evocano la libertà sessuale, enfatizzando addirittura sentimenti deformati e obliterati.

In sé, sia il preservativo che il costume da bagno non interessano molto, anzi per nulla, il genuino naturista. Infatti questo non ha bisogno di coprire le parti sessuali quando vive in natura, o comunque in ambiente idoneo, in quanto praticante la nudità assoluta in ossequio al principio naturista e naturale che non prevede alcuna copertura quando questa non è né necessaria né opportuna.
Per altri motivi il naturista genuino non ha bisogno né di profilattici né di anticoncezionali artificiali nel momento in cui esercita le funzioni sessuali o da esse si astiene. Infatti, fin dal suo sorgere il movimento naturista si è professato a carattere familiare, con tutte le conseguenze che ciò comporta.

Per converso può capitare che persone praticanti il naturismo di nascosto provino un complesso di colpa sotto la pressione psicologica di una società ostile alla pratica della nudità al punto da soffrire di veri e propri incubi originati dalla vergogna. Non occorre qui ripetere le consuete e valide argomentazioni naturiste sull’azione tonificante naturale degli organi sessuali vivendo in piena natura e promiscuità.
A questo proposito si è parlato di un potere taumaturgico della nudità che può essere assunto in assoluto come un principio consustanziale del naturismo, salvo precisare che questo principio è radicato nel mistero della trascendenza del mondo. E per contro non può essere accettata una certa teologia morale, non fideistica e di fonte astratta e incompetente, che crede di dedurre dalla semplice visione degli organi sessuali la causa dell’estro sessuale. Ebbene, se è errato affidare al costume da bagno il compito di evitare l’approccio sessuale, così è altrettanto errato affidare al cosiddetto preservativo il compito di sanare il cosiddetto “vagabondaggio sessuale”.

Sia la mutanda tessile che la mutanda fallica non potranno mai risolvere il disordine sessuale senza il ripristino dell’etica impressa nell’anima e nell’antropologia umana. Il divieto giudaico dell’immagine, umana e divina, è stato ampiamente sfatato sia dall’arte che dal genio naturista che hanno tradotto in espressione visiva sia l’umano che il divino: l’arte liberando le forze creatrici dello spirito e della fantasia; il genio naturista decretando il diritto di nudità che redime l’immagine umana coniata dalla volontà divina.

Cordom:
Sono perplesso come cristiano su quest'articolo e sopratutto sulle frasi che ho messo in grassetto.Qualcosa da dire ci sarebbe ma vorrei sentire la vostra opinione.....bene inteso questo non è il vangelo.






operaio del nudismo
Socio ANITA

Modificato da - n/a in data 22/09/2010 19:53:24
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 20 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum de iNudisti © 2006 / 2015 iNudisti Torna all'inizio della Pagina
Snitz Forums 2000